Si è ritirato Jaque Fourie

Ennesimo ritiro di questa stagione ovale: il sudafricano ha attraversato sedici anni di rugby giocato e lascia le scene

ph. Paul Harding/Action Images

Il 2018 è un anno che segna una cesura rispetto a quella generazione di giocatori che hanno segnato il gioco del rugby nella sua prima fase professionistica. Lasciano infatti gli ultimi protagonisti della scena internazionale degli Anni Zero del Duemila. L’ultimo a farlo in ordine di tempo è Jaque Fourie, 72 presenze e 32 mete con gli Springboks.

A 35 anni il centro decide di lasciare definitivamente le scena dopo una stagione travagliata. Già lo scorso anno Fourie voleva appendere gli scarpini al chiodo, ma aveva alla fine deciso di collaborare con i Western Force per le imminenti World Series (una nuova manifestazione, che consiste in partite-esibizione da parte della franchigia tagliata dal Super Rugby) con un ruolo da allenatore-giocatore. La seconda parte del proprio lavoro, Jaque Fourie non è riuscito a portarla a termine, a causa di una lunga serie di acciacchi che ne hanno prevenuto il rientro in campo.

Fourie lascia quindi definitivamente i campi da gioco per una seconda, ultima volta. Protagonista della Coppa del Mondo 2007 con la maglia del Sudafrica e della vittoria contro i British and Irish Lions nel 2009, serie durante la quale marcò la meta decisiva al settantaquattresimo minuto del secondo test, Fourie ha regolarmente giocato in nazionale per otto anni fra il 2003 e il 2011. Una serie di infortuni ne ha diradato la costante presenza, con l’ultima apparizione registrata nel 2014.

Giocatore dalle dimensioni imponenti, oltre il metro e novanta di altezza e il quintale di peso, a cui abbinava una falcata in allungo difficile da arrestare, ha composto per anni una coppia di centri di grande potenza e classe per il Sudafrica, al fianco di Jean de Villiers. Media di marcature impressionante con gli Springboks la sua, che raggiunge quasi la cifra di una ogni due partite.

La sua carriera è decollata nei Lions del Super Rugby, prima di passare per due anni agli Stormers e, infine, accasarsi in Giappone dal 2012 al 2017, ai Kobelco Steelers.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Akira e Rieko Ioane rinnovano il contratto con la Federazione neozelandese

Due conferme importanti per la NZRU. L'ala resterà in Nuova Zelanda almeno fino al 2022

21 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: Mario Ledesma si schiera in difesa di Michael Cheika

Il paradosso di una vittoria che non ha reso del tutto felice il tecnico argentino

18 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La lite tra Lukhan Tui e un tifoso dell’Australia dopo la sconfitta con l’Argentina

È successo sugli spalti del CBS Stadium di Gold Coast. Il 21enne ha deciso intanto di non giocare più fino al prossimo anno

17 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Perché gli All Blacks non hanno tentato un drop?

In Nuova Zelanda ha fatto discutere la scelta di non cercare i pali per vincere contro gli Springboks. Che significato c'è dietro?

16 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Springboks, Pumas e una giornata da ricordare

È stato il weekend di Rugby Championship più esaltante nella storia del torneo, che forse ne aveva un gran bisogno

16 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: gli highlights della vittoria del Sudafrica in Nuova Zelanda

Tutte le immagini più importanti dell'impresa degli Springboks in quel di Wellington

15 settembre 2018 Foto e video