Test Match, Rassie Erasmus fotografa gli Springboks: “Ci prendiamo le vittorie, ma c’è tanto da fare”

L’allenatore dei sudafricani analizza la situazione dei suoi citando anche il lavoro fatto da Coetzee

Ph. REUTERS/Siphiwe Sibeko

Due partite contro l’Inghilterra e due vittorie. Tolto il ko a Washington contro il Galles (in un test match comunque non ufficiale), non poteva iniziare meglio di così il cammino di Rassie Erasmus alla guida degli Springboks.
L’allenatore però, in queste ore, sta svolgendo in patria il ruolo di pompiere cercando di spegnere gli entusiasmi dei tifosi e dei media locali; anche perchè il calendario pone a stretto giro di posta il terzo e ultimo impegno nella serie contro gli uomini di Eddie Jones.
Il commissario tecnico, per soppesare al meglio la situazione, ha voluto ricordare inoltre il lavoro svolto dalla Rainbow Nation quando alla guida delle operazioni c’era Allister Coetzee: “Notate un miglioramento negli attacchi palla in mano? Non ho dubbi – afferma – questo arriva dagli allenamenti che i ragazzi hanno svolto quando Coetzee era l’allenatore della nazionale. Lui chiese a tutti i tecnici delle province e delle franchigie di migliorare le skills.
Passando all’aspetto psicologico, poi, posso affermare che tutti gli elementi del gruppo mi sembrano abituati a lavorare sotto pressione. Purtroppo le contingenze che si sono verificate hanno sviluppato anche questo, che però ora può essere un punto a nostro favore.
In generale – ha proseguito – c’è ancora da fare: bisogna imparare a prendere decisioni corrette e importanti sul campo. Abbiamo degli alti e bassi che stiamo correggendo e il gioco al piede sta diventando per noi un buon punto di appoggio dei nostri game plan, ma siamo ancora lontani dagli All Blacks che sono il punto di riferimento”. 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series 2024: i convocati dell’Argentina

Sono 34 i giocatori scelti, alcuni dei quali giocano nei club italiani

item-thumbnail

Test Match, Eddie Jones stupisce ancora: 8 esordienti per Giappone-Inghilterra

Ecco la formazione scelta dal tecnico australiano: tra i titolari anche un giovanissimo della Waseda University

item-thumbnail

Test Match, verso Galles-Sudafrica: le voci dei protagonisti

Warren Gatland: "Farà male, ma si migliora giocando coi migliori". Evan Roos: "Gallesi simili a noi sudafricani"

item-thumbnail

Irlanda: assenze di peso tra i convocati alle Summer Series 2024

Da Gibson-Park a Keenan, ecco perché Andy Farrell dovrà fare a meno di loro in Sudafrica

item-thumbnail

Esordisce il TMO “rinforzato”: primi esperimenti in Sudafrica-Galles e Fiji-Barbarians

Nelle due sfide di Twickenham gli arbitri al monitor avranno ulteriori possibilità di intervenire rispetto al precedente protocollo: la sperimentazion...

item-thumbnail

Frans Malherbe ha rinunciato alla maglia da titolare per far festeggiare i 50 caps a Vincent Koch

Un bel gesto di altruismo raccontato dallo stesso Rassie Erasmus, e non è la prima volta che accade negli Springboks