Il Rovigo Rugby Festival vuole essere (una mischia) da Guinness

Tra due weekend, a Rovigo, si svolgerà un importante festival dedicato alla palla ovale. Tra clinic economico-tecnici e varie forme di divertimento, si andrà a caccia di una mischia da record. Tutti, ma proprio tutti, potranno dare la propria spinta

Il calcio d’inizio dell’Automaster Rovigo Rugby Festival si avvicina sempre di più, con l’attesa per l’evento che sale esponenzialmente, giorno dopo giorno. Appassionati ovali di tutto lo stivale italico (e non solo) si stanno mobilitando per poter essere presenti a Rovigo il weekend del 2/3 giugno, per condividere questo grande momento di sport, divertimento e spettacolo che animerà lo stadio Mario Battaglini. Il menù del fine settimana veneto sarà a dir poco succoso: si potrà assistere ai tornei Seven delle categorie Under 14-16-18, seguire Rovigo 7s con squadre professionistiche come Italia, Inghilterra, Spagna, Svezia, Benetton, Rugby Rovigo Delta, o semplicemente svagarsi in all’interno di un contesto a forti tinte ovali tra Village, esposizioni fotografiche e proiezioni di documentari.

Senza dimenticare “La Mischia più grande del Mondo”, valida per entrare nel Guinness World Record, una delle portate più sfiziose dell’evento. Un qualcosa di simile ad una “chiamata alle armi” per i rugbisti, i tifosi ma anche per chi voglia scoprire per la prima volta il mondo ovale. Obiettivo? Abbattere il record neozelandese di 1800 persone coinvolte in una singola mischia. L’intenzione è quella di scrivere la storia e di poter raccontare fieramente di aver sconfitto, anche se in modo goliardico, i referenti massimi del nostro amato gioco.

L’iniziativa sta riscuotendo un grande successo, con oltre 500 persone che hanno già aderito nei primi 3 giorni di apertura delle iscrizioni. Non esistono limitazioni, sia a livello età (anche se l’organizzazione sconsiglia, senza vietare, la partecipazione ai bimbi sotto gli 8 anni) che di sesso, così come non ci sono vincoli relativi ai vestiti da indossare durante il tentativo di record. La convocazione è per le 18.00 di sabato 2 giugno, ci si può iscrivere dal sito rugbyrovigodelta.it/festival . Terminata “La Mischia più grande del Mondo”, il party celebrativo nel Village del Festival.

Spazio importante verrà riservato anche ai Clinic di Gianfranco Beda (Easy Sport Marketing), che terrà un incontro dal titolo “Come trovare Sponsor”, dedicato ai dirigenti e ai responsabili marketing di club e associazioni sportive, ed Andy Vilk, capo allenatore dell’Italia 7s, che, invece, tratterà un argomento di estremo interesse, tra campi ed aule, in un meeting dal titolo “Come perfezionare l’utilizzo e la gestione dello spazio nel rugby a 7”. Entrambi i clinic inizieranno alle ore 10 di sabato 2 giugno, seguiti, alle 16, dall’intervento della Dottoressa Enrica Quaglio, professionista affermata nel mondo del Sport Coaching e consulente di molti team professionistici, porrà il focus sugli allenatori in “Coach the Coach” perché allenare l’allenatore è possibile e soprattutto basilare per la crescita del proprio team. Per gestire la squadra negli alti e bassi di un campionato, oltre che negli aspetti relazionali, servono competenze diverse, da quelle più tecniche e specifiche di settore a quelle più trasversali e umane

Il meeting conclusivo sarà quello di domenica 3 giugno, alle ore 10, incentrato sul tema “Rugby e Comunicazione”: l’incontro a cui l’ Ordine dei Giornalisti ha assegnato 3 crediti formativi, potrà vantare la presenza di una compagine di professionisti di assoluto rilievo, con Daniele Piervincenzi (Nemo e Dmax), Moreno Molla (Sky), Sebastiano Pessina (On Rugby), Andrea Papale (Delinquenti Prestati alla Palla Ovale) e Gianluca Galzerano (Nuova Venezia, CRV) ed Ivan Malfatto (il Gazzettino – La Gazzetta dello Sport), nella veste di moderatore. Gli interventi avranno lo scopo di portare le esperienze dei prestigiosi relatori in ambito di comunicazione Tv, Digital e Carta Stampata.

È possibile iscriversi ai Clinics nella pagina dedicata del sito rugbyrovigodelta.it/festival, i posti sono limitati!

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Slow Motion #32: Qualcosa rimane fra le pagine chiare e le pagine scure

Nonostante la stagione fallimentare, in Tolone ci sono ancora sprazzi di bellezza, come nella meta di Filipo Nakosi

21 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Matias Aguero (e non solo lui): quando il rugbista si reinventa chef

Dopo Ongaro, Perugini e D'apice, un altro ex azzurro fa il suo esordio nel mondo della ristorazione

17 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il rugby non è un’isola felice

I fatti di Padova e Belfast, ma anche quello che accade ogni domenica, ci ricordano che la palla ovale non è priva di problemi fuori dal campo

17 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #31: corpo da panzer, mani di seta

Fra le tante marcature degne di note, abbiamo scelto la combinazione fra i fratelli Vunipola in veste di playmakers

15 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Snow Rugby: successo per la due giorni di rugby e neve

Frozen Pirates (Italia) e Mountain Flowers (Austria) conquistano la settima edizione del torneo di Tarvisio

14 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Guida alle regole del rugby: online l’edizione 2019

Da oggi è disponibile la nuova versione del nostro manuale sfogliabile online o scaricabile gratuitamente

10 gennaio 2019 Terzo tempo