Guida ufficiale sulle presenze allo stadio ’17/’18: Benetton Treviso

Tutti i numeri stagionali di Monigo

monigo benetton treviso rugby

ph. Sebastiano Pessina

A stagione ormai totalmente esaurita per entrambe le franchigie dello stivale italico, dopo aver tracciato tutti i bilanci del caso sul fronte tecnico ed in attesa del tour della nazionale azzurra in Giappone, è il momento di dare uno sguardo all’andazzo delle presenze allo stadio nel corso di questa annata sportiva, tra Pro14 e coppe europee.

Nel caso del Benetton, il miglioramento di risultati in Pro14 ha coinciso anche con una crescita di pubblico?

Assolutamente si. Stando ai dati ufficiali, riportati sul sito del fu torneo celtico, a fronte dello stesso numero di gare giocate (11), l’incremento di pubblico complessivo, in quel di Monigo, è stato di assoluto rilievo. Si è passati, infatti, dalle 31080 persone del ’16/’17 alle quasi 40 mila (39200, per la precisione) del ’17/’18 appena andato in archivio. Un delta pesante, dunque, reso ancor più lampante se evidenziato attraverso i dati (consequenziali) relativi alla media spettatori per ogni singola gara, cresciuta, nel giro di soli 12 mesi, da 2825 a 3563, con un differenziale di oltre 700 presenze.

Quanto ha inciso il cambio di formula, con l’inserimento del doppio derby casalingo (solo per Treviso, quest’anno)?

In realtà meno di quanto si potrebbe pensare. L’anno scorso solo in due occasioni, a Monigo, vi furono almeno 4000 presenze: contro Glagow, il pomeriggio dell’ultimo dell’anno, e contro Munster, al capolinea della stagione, in una serata di fine aprile. Il derby non fu nemmeno sul podio delle partite che attirarono più pubblico, fermandosi ad una quota spettatori di 3400.

Quest’anno, invece, quota 4000 è stata sfondata in ben 5 occasioni, quasi la metà degli incontri andati in scena nella città trevigiana. A differenza della passata stagione, però, il ritrovato entusiasmo di entrambe le franchigie italiane, ha fatto si che il derby di fine anno sia stata la gara con più pubblico in assoluto, raggiungendo i 5000 presenti sugli spalti. Sul podio, in tal senso, sono finite anche le sfide contro Kings in apertura di stagione (4700), e Dragons (4100) ad inizio aprile.

Dati per certi versi sorprendenti (derby a parte), se si pensa al valore delle avversarie, per altri, però, utili a ribadire come al pubblico tenda a piacere oltremodo una partita caratterizzata, prima del calcio d’inizio, dalla concreta possibilità di vittoria della squadra di casa. A maggior ragione se questo tipo di incontri vanno in scena nei periodi dell’anno con il clima più amichevole, come inizio autunno o primavera inoltrata.

Qual è stato il picco più basso della stagione?

La gara contro Connacht, durante il periodo del Sei Nazioni. Un match già di per sé non necessariamente entusiasmente, posto alle ore 13 di un sabato che presentava, poi, a stretto giro di posta, dalle 15.15  in avanti, un doppio incontro del torneo per nazionali più prestigioso del continente boreale.

E in Champions Cup?

Per analizzare in maniera corretta i dati in tal senso è necessario sottolineare come gli abbonati abbiano accesso indistintamente ad entrambe le competizioni. Non é un caso, dunque, che nonostante l’impatto superbo della sfida contro Tolone (5000 presenze), la media spettatori in coppa sia pressoché identica a quella del campionato (3630 v 3563), con lo zoccolo duro del tifo che ha presenziato anche alle due gare contro Scarlets e Bath, rispettivamente 2600 e 3300 persone a Monigo, nonostante il minore appeal e la qualificazione già compromessa (anche se preventivabile già prima del via del torneo).

Diamo i numeri, Pro14:

vs Uslter: 2600 spet.
vs Ospreys: 3500 spet.
vs Kings: 4700 spet.
vs Edimburgo: 4000 spet.
vs Leinster: 2700 spet.
vs Zebre (1): 4000 spet.
vs Cheetahs: 3500 spet.
vs Scarlets: 3000 spet.
vs Connacht: 2100 spet.
vs Dragons: 4100 spet.
vs Zebre (2): 5000 spet.

Totale: 39200; media: 3563;

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Derrick Appiah è un nuovo giocatore del Benetton Treviso

Il pilone classe 1994 rinforzerà il reparto di prima linea biancoverde

24 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

La svolta del Benetton Treviso: intervista ad Antonio Pavanello

Il direttore sportivo dei Leoni ha parlato del lavoro strutturale compiuto nel club, oltre che della nuova gestione dei permit player

24 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Il Benetton Treviso ha annunciato il primo acquisto per la prossima stagione

Si tratta di Iliesa Ratuva, trequarti figiano classe 1990. Arriva dalla Nuova Zelanda

22 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Il Benetton Treviso ha annunciato la lista dei partenti

Francesco Minto lascia il club biancoverde dopo otto anni. Dice addio anche Zanusso

18 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Treviso: Antonio Pavanello ed Enrico Ceccato prolungano sino al 2020

Il direttore sportivo ed il team manager dei Leoni resteranno in Ghirada per altre due stagioni

16 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Treviso, Amerino Zatta gonfia il petto: “Annata da record”

Il presidente fotografa la stagione appena andata in archivio proiettandosi su un futuro che vuole essere in crescendo

11 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby