Sei Nazioni 2018: novità nel gruppo scozzese per affrontare l’Italia

Townsend aggiunge cinque uomini ai suoi convocati in vista della trasferta di Roma

ph. Reuters

Sono 38 i giocatori convocati dall’head coach della Scozia Gregor Townsend in vista della trasferta che la sua squadra dovrà affrontare sabato, per sfidare l’Italia a Roma nell’ultima giornata del Sei Nazioni 2018.

La Scozia, oramai tagliata fuori dai sogni di gloria, può al massimo sperare in una terza posizione nel torneo, a seconda del proprio e degli altri risultati di sabato.

Sono cinque le novità di Townsend, di cui quattro provenienti dalla sua ex squadra, i Glasgow Warriors. Si tratta di Scott Cummings, seconda linea di 21 anni già precedentemente nel giro della nazionale maggiore ma ancora senza caps internazionali, Matt Fagerson, fratello giovane del pilone Zander che si disimpegna egregiamente in terza linea e anch’egli esordiente, Adam Hastings, esordiente apertura ventunenne di sangue nobile, figlio del glorioso estremo scozzese Gavin Hastings, e Richie Vernon, 24 caps con la Scozia ma assente dalla nazionale dalla coppa del mondo del 2015.

L’ultima novità proviene invece da Gloucester ed è rappresentata da Matt Scott, 39 caps e 5 mete con la Scozia, che torna in gruppo dopo essere già stato coinvolto in questo Sei Nazioni.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Danny Wilson rinuncia ai Wasps e diventa assistant coach della Scozia

L'ex coach dei Cardiff Blues aveva firmato con gli inglesi a dicembre, ma non inizierà nemmeno la sua avventura a Coventry

18 giugno 2018 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC