Sei Nazioni 2018: novità nel gruppo scozzese per affrontare l’Italia

Townsend aggiunge cinque uomini ai suoi convocati in vista della trasferta di Roma

ph. Reuters

Sono 38 i giocatori convocati dall’head coach della Scozia Gregor Townsend in vista della trasferta che la sua squadra dovrà affrontare sabato, per sfidare l’Italia a Roma nell’ultima giornata del Sei Nazioni 2018.

La Scozia, oramai tagliata fuori dai sogni di gloria, può al massimo sperare in una terza posizione nel torneo, a seconda del proprio e degli altri risultati di sabato.

Sono cinque le novità di Townsend, di cui quattro provenienti dalla sua ex squadra, i Glasgow Warriors. Si tratta di Scott Cummings, seconda linea di 21 anni già precedentemente nel giro della nazionale maggiore ma ancora senza caps internazionali, Matt Fagerson, fratello giovane del pilone Zander che si disimpegna egregiamente in terza linea e anch’egli esordiente, Adam Hastings, esordiente apertura ventunenne di sangue nobile, figlio del glorioso estremo scozzese Gavin Hastings, e Richie Vernon, 24 caps con la Scozia ma assente dalla nazionale dalla coppa del mondo del 2015.

L’ultima novità proviene invece da Gloucester ed è rappresentata da Matt Scott, 39 caps e 5 mete con la Scozia, che torna in gruppo dopo essere già stato coinvolto in questo Sei Nazioni.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia

item-thumbnail

Sei Nazioni : il calendario e gli orari delle edizioni 2020 e 2021

L'Italia aprirà la sua avventura post Mondiale contro il Galles, a Cardiff, l'1 febbraio 2020

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il XV del Torneo secondo OnRugby

Abbiamo provato a scegliere i migliori di questa edizione del Torneo

item-thumbnail

Monumentale: frammenti di Alun-Wyn Jones

Piccola, significativa raccolta di momenti iconici del capitano e simbolo del Galles del Grande Slam

item-thumbnail

I sei candidati per il premio di MVP del Sei Nazioni 2019

Quattro gallesi e due inglesi si contenderanno il premio per succedere a Jacob Stockdale. Si può votare fino alle 12 di mercoledì

item-thumbnail

Warren Gatland dopo il Grande Slam del Galles: “Orgoglioso dei miei giocatori”

Le foto più belle dei festeggiamenti sul prato del Principality Stadium, dopo l'ennesimo trionfo di una squadra davvero speciale