Sei Nazioni 2018: chi (e quando) lo vince?

Ci affidiamo ai numeri per capire chi può ancora conquistare il titolo

irlanda scozia sexton sei nazioni

ph. Action Images

Le prime tre giornate del Sei Nazioni 2018 hanno regalato agli spettatori diverse partite entusiasmanti, alcune delle quali caratterizzate da esiti sorprendenti, anche e soprattutto nella dimensione di alcuni punteggi e nella distribuzione dei punti di bonus. A sole due partite dalla chiusura del torneo, la classifica che si è delineata ci propone diversi scenari potenziali in ottica vittoria del titolo, con ancora 5 squadre che possono sognare (più o meno concretamente il successo finale). La classifica provvisoria del Torneo la trovate a questo link.

Possibilità 1: Irlanda campione in 4

Se allo scoccare del minuto 80 di Francia v Irlanda, qualcuno avesse detto ad un tifoso verde che la sua nazionale avrebbe avuto concrete chance di vincere il titolo in 4 gare, probabilmente sarebbe stato considerato (a ragione) un pazzo. Il drop di Sexton, però, ha cambiato le prospettive della banda di Schmidt, che, con le due vittorie interne con bonus contro Italia e Galles, si presenta all’appuntamento casalingo con la Scozia a più 5 (14 punti contro 9) rispetto all’inseguitrice principe: quell’Inghilterra reduce dalla batosta di Edimburgo. Se i verdi vincessero con bonus, sabato all’Aviva, mentre  l’Inghilterra non dovesse riuscire nell’impresa di trionfare con 4 mete segnate a Parigi, l’Irlanda si proclamerebbe campione con un turno di anticipo. Stando ai precedenti recenti, se si ripetessero i risultati del 2016, nelle stesse due partite, la selezione dell’isola di Smeraldo alzerebbe la coppa già nella serata di sabato.

Possibilità 2: Irlanda campione in 5

La squadra di Schmidt, aritmeticamente parlando, può permettersi pure di perdere con la Scozia, anche in caso di vittoria inglese (con qualsiasi punteggio) in terra transalpina. Nella peggiore delle ipotesi, infatti, la selezione verde arriverebbe al clash finale di Twickhenam alla pari degli acerrimi rivali e si giocherebbe tutto con una vittoria nel tempio londinese. Se, invece, l’Irlanda vincesse senza bonus con la Scozia, e l’Inghilterra passasse in Francia con 4 o più segnature pesanti, le due compagini giungerebbero allo scontro finale sul 18 v 14, ergo, agli ospiti basterebbe concedere non più di tre punti. Discorso ancora più favorevole ai verdi, se si arrivasse a Twickenham in seguito a due vittorie speculari nel quarto turno, quindi sul 18-13 o sul 19-14. In quel caso, basterebbe agli ospiti accaparrarsi uno dei due punti di bonus possibili, sempre ricordando che, in caso di parità in classifica, vincerà la squadra con miglior differenza punti complessiva.

Possibilità 3: Inghilterra campione

Perché si verifichi questo scenario, serve che gli inglesi vincano in Francia, facendo almeno i punti in classifica che totalizzerà l’Irlanda all’Aviva contro la Scozia, e poi che sconfiggano gli Irlandesi in casa, con i bonus necessari, eventualmente, per scavalcarli o quantomeno raggiungerli (e nel caso, servirebbe avere una miglior differenza punti finale rispetto ai verdi). L’Inghilterra, inoltre, si laureerebbe campione se battesse la Francia (meglio se con bonus), con la Scozia corsara in Irlanda, e poi battesse in casa, con bonus, l’Irlanda (scongiurando così la possibile rimonta della nazionale del cardo).

Possibilità 4: Scozia campione

Gli uomini di Townsend dovrebbero vincere entrambe le gare in arrivo, sia su suolo irlandese che italiano, possibilmente con bonus offensivo, per attestarsi così a quota 18 (17 con un singolo bonus). Conquistati i due successi pieni (o anche uno solo), gli scozzesi taglierebbero fuori definitivamente Galles e Francia dalla corsa, e dovrebbero augurarsi che Irlanda ed Inghilterra non raccolgano rispettivamente 5 e 9 punti, nelle due giornate finali. Ergo, sperare nel successo francese contro i britannici a Parigi, nel prossimo turno, e nel riscatto della banda Jones, in casa, all’ultima, contro i verdi. Un’impresa, dunque, affatto banale, ma non impossibile.

Possibilità 5: Francia/Galles campioni

Scenario complesso ma ancora non da escludere del tutto. Primo passo fondamentale, per entrambe, vincere, possibilmente con bonus, contro Inghilterra ed Italia, con la contemporanea vittoria scozzese in Irlanda. Tutto ciò consentirebbe alle due selezioni di presentarsi alla sfida finale tra di loro, in quel di Cardiff, ancora in corsa. A quel punto servirebbe una vittoria da 5 punti di uno dei due team, e le vittorie di Italia ed Inghilterra, per proiettarlo a quota 16 in graduatoria, laddove, al netto di bonus altrui (Irlanda soprattutto), potrebbe arrivare il clamoroso trionfo nel Sei Nazioni.

Matteo Viscardi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia, Benetton e Zebre: il calendario completo della stagione 2022/2023

Tutte le partite della nazionale e delle due franchigie tra Test Match, United Rugby Championship, Challenge Cup e Sei Nazioni

10 Agosto 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

L’Irlanda darà un contratto da professionista a 43 rugbiste

Per la Federazione irlandese è la prima iniziativa simile legata al rugby union

item-thumbnail

Andy Farrell ha rinnovato con l’Irlanda fino al 2025

Il prolungamento del contratto arriva dopo la storica vittoria nella serie in Nuova Zelanda contro gli All Blacks

29 Luglio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: la Francia potrebbe “abbandonare” lo Stade de France

Una trattativa, in comune col calcio, e all'orizzonte una potenziale sede alternativa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: in vendita i biglietti per le partite in casa dell’Italia

Tre i match in agenda: contro Francia, Irlanda e Galles

26 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: gli highlights della quarta giornata

Successo straripante dell'Inghilterra, la Francia insegue e vince in Galles senza brillare particolarmente

25 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni