Sei Nazioni 2018: l’ambizioso Galles visita un’Irlanda nervosa

Dragoni in ascesa, Verdi con assenze pesanti. Gatland innervosisce il collega Schmidt nel pre gara

ph. Reuters

DUBLINO – Le prime due giornate del Sei Nazioni hanno completamente ribaltato l’approccio a Irlanda-Galles. La squadra di Gatland ha massacrato l’ambiziosa Scozia alla prima partita a Cardiff e ha sfiorato l’impresa a Twickenham al secondo turno, mentre l’Irlanda, pur avendo vinto entrambe le partite (epico il successo a Parigi), non è in uno straordinario momento di forma e non ha convinto fino in fondo.

I Dragoni dunque scendono in campo con la consapevolezza di poter ancora aspirare alla vittoria del torneo e sono galvanizzati dal recupero di alcuni dei loro giocatori migliori, come Halfpenny, Liam Williams e Biggar. Dall’altra parte, i Verdi hanno perso molti giocatori chiave, soprattutto in fase difensiva: O’Brien manca dall’inizio del torneo, ora mancano anche Furlong, Henderson, Henshaw e Ringrose (che venerdì sera ha giocato senza problemi 55 minuti nella facile vittoria di Leinster sui Kings in Pro14). Un altro campanello d’allarme è arrivato da Johnny Sexton, che ha saltato parte dal Captain’s Run poiché i fisioterapisti si prendevano cura della sua schiena.

All’Aviva, dunque, l’Irlanda è chiamata a confermare che il lavoro di allungamento della rosa fatto negli ultimi anni non era una favola buona per riempire i giornali nei momenti di minor attenzione. Per Dan Leavy, James Ryan e Jacob Stockdale sarà una propria prova di maturità.

In attesa del verdetto del campo, intanto si può dire che Warren Gatland ha stravinto il mind game. Nella conferenza stampa di annuncio della formazione, Joe Schmidt ha palesato tutto il proprio nervosismo quando gli è stato ricordata la frase del coach del Galles alla fine del match premondiale vinto dai rossi all’Aviva nell’agosto 2015 (‘’L’Irlanda non gioca molto a rugby’’).

Schmidt ha ribattuto: ‘’Non capisco perché Gatland debba avere più credito di Coetzee o del coach argentino (che lo scorso novembre si erano detti ammirati dalla qualità del gioco offensivo irlandese, ndr). È vero che non abbiamo segnato mete a Parigi, ma abbiamo trovato ugualmente il modo di vincere’’.

La gara sarà interessantissima. Il Galles cercherà di forzare l’Irlanda a calciare, per poi sfruttare il talento di Hanlfpenny, Williams e Steff Evans nell’attaccare dal profondo. L’Irlanda deve trovare quella fluidità in attacco che nelle prime due uscite del Sei Nazioni non si è vista. Dando per scontato che le ali Stockdale e Earls ripetano le prestazioni delle prime partite, dovranno essere Aki ed Farrell – al debutto nel Torneo – a dover alzare il livello del proprio gioco, anche se saranno probabilmente obiettivi delle guardie gallesi.

Calcio d’inizio alle ore 15:15, diretta tv su DMAX

Le formazioni

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Chris Farrell, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Johnny Sexton, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Dan Leavy, 6 Peter O’Mahony, 5 Devin Toner, 4 James Ryan, 3 Andrew Porter, 2 Rory Best, 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Jack McGrath, 18 John Ryan, 19 Quinn Roux, 20 Jack Conan, 21 Kieran Marmion, 22 Joey Carbery, 23 Fergus McFadden

Galles: 15 Leigh Halfpenny, 14 Liam Williams, 13 Scott Williams, 12 Hadleigh Parkes, 11 Steff Evans, 10 Dan Biggar, 9 Gareth Davies, 8 Ross Moriarty, 7 Josh Navidi, 6 Aaron Shingler, 5 Alun Wyn Jones (c), 4 Cory Hill, 3 Samson Lee, 2 Ken Owens, 1 Rob Evans
A disposizione: 16 Elliot Dee, 17 Wyn Jones, 18 Tomas Francis, 19 Bradley Davies, 20 Justin Tipuric, 21 Aled Davies, 22 Gareth Anscombe, 23 George North

Arbitro: Glen Jackson (Nuova Zelanda).
Assistenti: Pascal Gauzere (Francia), Matthew Carley (Inghilterra)
TMO: Rowan Kitt (Inghilterra)

Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento