Sei Nazioni 2018, Francia-Italia: i precedenti della sfida

Nessuna vittoria azzurra a Parigi, anche se non sono mancate buone prestazioni. Chissà che a Marsiglia non si spezzi il tabù

ph. Sebastiano Pessina

Nei corsi e ricorsi storici dei precedenti tra Francia e Italia, nel Sei Nazioni, sta per arrivare un inedito assoluto: quello della prima sfida a Marsiglia.
Si, perchè contro i Bleus gli azzurri nel torneo più antico e prestigioso dell’Emisfero Nord hanno sempre giocato in quel di Parigi non riuscendo mai a portare via lo scalpo dei rivali. Andiamo a vedere come si sono concluse le ultime sfide giocate.

Francia 23-21 Italia (06/02/2016)
Lo Stade de France riapre dopo gli attentati del novembre 2015 e Parisse e soci vanno vicinissimi al colpaccio, grazie ad un Carlo Canna ispiratissimo. L’apertura infatti segna in tutti i modi possibili: meta, conversione, punizione e drop. Nel finale, dopo le mete casalinghe di Vakatawa, Chouly e Bonneval, a cui risposero proprio il capitano tricolore e l’apertura campana, ci si gioca il match punto a punto e a decidere la contesa è un piazzato di Plisson.

 

Francia 30-10 Italia (09/02/2014)
Nella capitale d’Oltralpe, si gioca di domenica. Il primo tempo è molto bloccato e si conclude sul 9-3, per effetto dei tre piazzati di Doussain a cui risponde solo parzialmente Allan. Nella ripresa però, i galletti prendono il sopravvento e con le mete di Picamoles, Fofana e Bonneval fanno loro la partita. Per gli azzurri non c’è nulla da fare. Tommaso Iannone marca pesante a quattro minuti dalla fine, ma ormai è troppo tardi.

 

Francia 30-12 Italia (04/02/2012)
E’ la prima partita di Jacques Brunel sulla panchina dell’Italia, dopo la RWC 2011. Gli azzurri reggono per una mezz’ora abbondante, poi soccombono sotto i colpi degli allora vicecampioni del mondo. Mazieu, Clerc e Fofana fanno eco alla meta in apertura di Rougerie, mentre nella selezione italica i punti arrivano tutti dal piede di Burton e da una trasformazione di Botes.

Francia 46-20 Italia (14/03/2010)
Contesa domenicale che i padroni di casa indirizzano da subito e poi gestiscono nel corso dei restanti ottanta minuti. Mete transalpine di Harinordoquy, Marty (2), Andreu, Jauzion e Lapandry a cui gli italiani rispondono in piccola parte nel finale con del Fava e Canavosio, che rendono meno amaro il risultato.

Michele Cassano

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il board del Sei Nazioni prende posizione sulla possibilità di un “4 Nazioni” senza Italia e Francia in autunno

Definite "inaccurate speculazioni" le voci giornalistiche circolate nelle scorse ore in UK

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: Ruaridh Jackson si ritira

Il trequarti dice basta a 32 anni, al termine di una carriera da 33 caps

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni