Sei Nazioni 2018, Francia-Italia: i precedenti della sfida

Nessuna vittoria azzurra a Parigi, anche se non sono mancate buone prestazioni. Chissà che a Marsiglia non si spezzi il tabù

ph. Sebastiano Pessina

Nei corsi e ricorsi storici dei precedenti tra Francia e Italia, nel Sei Nazioni, sta per arrivare un inedito assoluto: quello della prima sfida a Marsiglia.
Si, perchè contro i Bleus gli azzurri nel torneo più antico e prestigioso dell’Emisfero Nord hanno sempre giocato in quel di Parigi non riuscendo mai a portare via lo scalpo dei rivali. Andiamo a vedere come si sono concluse le ultime sfide giocate.

Francia 23-21 Italia (06/02/2016)
Lo Stade de France riapre dopo gli attentati del novembre 2015 e Parisse e soci vanno vicinissimi al colpaccio, grazie ad un Carlo Canna ispiratissimo. L’apertura infatti segna in tutti i modi possibili: meta, conversione, punizione e drop. Nel finale, dopo le mete casalinghe di Vakatawa, Chouly e Bonneval, a cui risposero proprio il capitano tricolore e l’apertura campana, ci si gioca il match punto a punto e a decidere la contesa è un piazzato di Plisson.

 

Francia 30-10 Italia (09/02/2014)
Nella capitale d’Oltralpe, si gioca di domenica. Il primo tempo è molto bloccato e si conclude sul 9-3, per effetto dei tre piazzati di Doussain a cui risponde solo parzialmente Allan. Nella ripresa però, i galletti prendono il sopravvento e con le mete di Picamoles, Fofana e Bonneval fanno loro la partita. Per gli azzurri non c’è nulla da fare. Tommaso Iannone marca pesante a quattro minuti dalla fine, ma ormai è troppo tardi.

 

Francia 30-12 Italia (04/02/2012)
E’ la prima partita di Jacques Brunel sulla panchina dell’Italia, dopo la RWC 2011. Gli azzurri reggono per una mezz’ora abbondante, poi soccombono sotto i colpi degli allora vicecampioni del mondo. Mazieu, Clerc e Fofana fanno eco alla meta in apertura di Rougerie, mentre nella selezione italica i punti arrivano tutti dal piede di Burton e da una trasformazione di Botes.

Francia 46-20 Italia (14/03/2010)
Contesa domenicale che i padroni di casa indirizzano da subito e poi gestiscono nel corso dei restanti ottanta minuti. Mete transalpine di Harinordoquy, Marty (2), Andreu, Jauzion e Lapandry a cui gli italiani rispondono in piccola parte nel finale con del Fava e Canavosio, che rendono meno amaro il risultato.

Michele Cassano

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: le designazioni arbitrali per ottobre e novembre

I direttori di gara per i recuperi del Sei Nazioni maschile e femminile, e per la Autumn Nations Cup

24 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Irlanda: sta per ritirarsi Rob Kearney, il giocatore con più trofei

La sconfitta ai quarti di Champions marca il passo d'addio per uno degli estremi più forti di sempre

20 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

I giocatori dell’Inghilterra hanno accettato una riduzione salariale del 25%

Analogo taglio accettato dal coach Eddie Jones lo scorso marzo

12 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Leonardo Ghiraldini

Il tallonatore azzurro snocciola la sua formazione più forte nei 20 anni del Torneo. Due azzurri in campo, tanta Irlanda e una spruzzata di talento in...

8 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

8 Nazioni: Georgia in pole position per sostituire il Giappone

I caucasici sono pronti, in caso di rinuncia dei nipponici, a fare il loro ingresso nel torneo

29 Agosto 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni