Il video dell’allenamento tra Inghilterra e Georgia

Un test duro per gli inglesi, ma per Eddie Jones è stato “esattamente quello che volevamo fare”

georgia

ph. Action Images/Peter Cziborra

Ieri e oggi, a Londra, Inghilterra e Georgia si sono ritrovate per due sessioni di allenamento congiunto fortemente volute da Eddie Jones per tenere alto il livello della sua squadra ma, soprattutto, per far misurare i suoi avanti contro “il pack più forte al mondo”. Proprio la mischia era il principale focus del CT australiano, che ai microfoni di BBC Radio 5 Live si è detto soddisfatto del lavoro svolto sul campo.

“È esattamente il tipo di pratica che volevamo fare – ha dichiarato – I georgiani sono andati meglio nella parte iniziale, mentre forse abbiamo avuto più successo verso la fine, per cui in un match di boxe sarebbe stato un pareggio”.

Alla prova del video, in effetti, i primi ingaggi hanno visto una netta superiorità dei georgiani, mentre successivamente Vunipola e Cole hanno costretto Wayne Barnes (arbitro della contesa) a fischiare contro i caucasici.

Contiene anche Courtney Lawes che si allena a parte, ma a boxe.

“I georgiani ingaggiano in un modo unico – ha continuato Eddie Jones – Mettono pressione senza muovere i piedi. Le nostre prime linee hanno imparato molto oggi, è stata una grande esperienza per noi”.

Intanto, il CT anche confermato l’assenza di Sam Simmonds per i prossimi due match contro Scozia e Francia, lasciando aperto uno spiraglio per un suo possibile rientro in vista dell’ultima giornata – potenzialmente decisiva – contro l’Irlanda.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno