Dal Galles: “World Rugby ha ammesso l’errore sulla meta di Anscombe”

A riferirlo è l’assistant coach Howley, dopo che il manager degli arbitri Alain Rolland ha telefonato a Gatland

ph. Reuters

Come spesso accaduto nel corso dellla loro storia, anche l’ultimo Inghilterra-Galles non è stato esente da polemiche. Gran parte del post partita, infatti, è ruotato attorno all’episodio della meta non convalidata a Gareth Anscombe nel primo tempo sul punteggio di 12-0. Il TMO, il neozelandese Glenn Newman, ha consigliato l’arbitro Jerome Garces di non convalidare la marcatura poiché non c’era un grounding (l’azione dello schiacciare a terra) chiaro ed evidente.

Dopo due giorni di screenshot partigiani sui social e grandi dibattiti sui media britannici, quest’oggi a riaccendere il fuoco ci ha pensato l’assistant coach Rob Howley, che in conferenza stampa ha rivelato come Alain Rolland, manager degli arbitri per World Rugby, abbia ammesso l’errore compiuto durante il match nel non assegnare la meta.

“Avere un dialogo con World Rugby dopo il weekend ha fatto bene – ha dichiarato Howley – So che Warren Gatland ha parlato con Rolland, ci è stato confermato lo sbaglio del TMO. È un confronto che facciamo continuamente durante la finestra autunnale e il Sei Nazioni, la telefonata è avvenuta ieri”.

“È successo – continua Howley – È frustrante che succeda in uno sport professionistico, ma siamo concentrati sulle prossime due settimane e per arrivare pronti alla sfida con l’Irlanda”. Nonostante l’ammissione, Howley cerca di non avere rimpianti, anche perché l’episodio era avvenuto al 23esimo del primo tempo. “C’era un sacco di tempo dopo quella decisione. Abbiamo avuto un paio di opportunità che avremmo dovuto sfruttare”.

Soffermandosi sulla partita, il tecnico si è espresso in merito alle differenze tra la partita di Twickenham e quella giocata (e vinta) all’esordio contro la Scozia. “Dalla nostra prospettiva, nel primo tempo, non avevamo il ritmo del match precedente. Le condizioni sono migliorate nella ripresa e il modo con cui abbiamo reagito dopo il 12-0 e siamo tornati in partita è stato positivo”.

– Leggi anche: la formazione ideale di On Rugby per la seconda giornata del Sei Nazioni 2018

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno