Schmidt: “Nel secondo tempo ci hanno messo in difficoltà”

Best ringrazia Parisse per i complimenti alla sua squadra. Preoccupazione per Henshaw

ph. Sebastiano Pessina

 

DUBLINO – Nel post partita la soddisfazione di  Joe Schmidt è diminuita dai numerosi infortunati. “Henshaw sarà sottoposto a radiografia domenica ma non siamo ottimisti. Pensiamo a Ringrose, che sta migliorando molto e potrebbe essere pronto. Certo, chiamarlo nel caso in cui Henshaw non fosse disponibile (come temiamo) per una partita importante come il Galles non è facile. Lo farei in virtù di quanto ha dato a questa squadra negli anni scorsi. Anche O’Brien potrebbe essere pronto. Certo Henshaw è stato un leader finora, assolutamente fantastico. Non sarà facile sostituire la sua leadership. Furlong e Conan invece dovrebbero essere a posto”.

Poi l’allenatore analizza la partita: “Sono molto contento di come abbiamo iniziato, anche se qualche errore qua e là si è visto. Abbiamo segnato belle mete e li abbiamo tenuti a zero. Nel secondo tempo l’Italia ha mostrato alcuni ottimi giocatori e ci ha messo in difficoltà alcune volte. Questo aiuterà i giovani a capire che questo è l’alto livello e  che devono migliorare. Aki per esempio sarà deluso dal suo handling in un paio di occasioni, ma sono contento di lui tutto sommato”.

Sulle prospettive del torneo: “Prima dell’inizio avrei firmato di essere dopo la seconda con 9 punti e +39 di differenza. Siamo nella direzione giusta ma non dimentichiamo che il Galles sarà difficile da battere. La loro difesa sale molto e forza gli errori. Il torneo è ancora molto lungo”.

Best invece commenta i complimenti ricevuti da Parisse (secondo il quale l’Irlanda è migliore dell’Inghilterra). “È bello avere dei complimenti dal capitano avversario – ammette -. Nel secondo tempo però sappiamo che avremmo potuto giocare meglio. Noi giudichiamo noi stessi e sappiamo di avere davanti a noi ancora molta ripida strada in questo torneo”.

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni, Scozia: Huw Jones sarà assente per il resto del torneo. Da verificare invece le condizioni di Hogg

Finito il torneo per il numero 13 di Townsend, mentre sull'estremo c'è ancora incertezza

15 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019, Inghilterra: Eddie Jones sceglie i 25 per la sfida al Galles

Rientra Ben Te'o, mentre Itoje e Dylan Hartley rimangono indisponibili. Fra i convocati c'è anche Ollie Devoto

14 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Francia, le parole di Laporte: “Brunel? E’ l’uomo con cui continueremo a lavorare”

Il presidente federale si è espresso sulla questione riguardante la nazionale analizzando anche il resto del movimento francese

14 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Mako Vunipola salterà il resto del torneo

Il pilone inglese dovrà stare fermo per 10 settimane a causa di un problema alla caviglia

13 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il Galles può recuperare Halfpenny e Faletau in vista della sfida all’Inghilterra

L'estremo e il terza linea stanno decisamente meglio e non è escluso un loro impiego nella prossimo turno del torneo

12 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Francia: la situazione è molto confusa. I giocatori sono pronti ad un ammutinamento

La sconfitta contro l'Inghilterra potrebbe aver scoperchiato un Vaso di Pandora molto dannoso per il rugby transalpino

12 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni