Schmidt: “Nel secondo tempo ci hanno messo in difficoltà”

Best ringrazia Parisse per i complimenti alla sua squadra. Preoccupazione per Henshaw

ph. Sebastiano Pessina

 

DUBLINO – Nel post partita la soddisfazione di  Joe Schmidt è diminuita dai numerosi infortunati. “Henshaw sarà sottoposto a radiografia domenica ma non siamo ottimisti. Pensiamo a Ringrose, che sta migliorando molto e potrebbe essere pronto. Certo, chiamarlo nel caso in cui Henshaw non fosse disponibile (come temiamo) per una partita importante come il Galles non è facile. Lo farei in virtù di quanto ha dato a questa squadra negli anni scorsi. Anche O’Brien potrebbe essere pronto. Certo Henshaw è stato un leader finora, assolutamente fantastico. Non sarà facile sostituire la sua leadership. Furlong e Conan invece dovrebbero essere a posto”.

Poi l’allenatore analizza la partita: “Sono molto contento di come abbiamo iniziato, anche se qualche errore qua e là si è visto. Abbiamo segnato belle mete e li abbiamo tenuti a zero. Nel secondo tempo l’Italia ha mostrato alcuni ottimi giocatori e ci ha messo in difficoltà alcune volte. Questo aiuterà i giovani a capire che questo è l’alto livello e  che devono migliorare. Aki per esempio sarà deluso dal suo handling in un paio di occasioni, ma sono contento di lui tutto sommato”.

Sulle prospettive del torneo: “Prima dell’inizio avrei firmato di essere dopo la seconda con 9 punti e +39 di differenza. Siamo nella direzione giusta ma non dimentichiamo che il Galles sarà difficile da battere. La loro difesa sale molto e forza gli errori. Il torneo è ancora molto lungo”.

Best invece commenta i complimenti ricevuti da Parisse (secondo il quale l’Irlanda è migliore dell’Inghilterra). “È bello avere dei complimenti dal capitano avversario – ammette -. Nel secondo tempo però sappiamo che avremmo potuto giocare meglio. Noi giudichiamo noi stessi e sappiamo di avere davanti a noi ancora molta ripida strada in questo torneo”.

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno