Sei Nazioni 2018: Irlanda, possibile debutto per Larmour contro l’Italia

Il ventenne del Leinster è molto atteso in patria e sabato potrebbe andare in panchina. Fuori James Ryan

ph. Reuters

Jordan Larmour è sulla bocca di tutti in Irlanda da un paio di mesi. Classe 1997, l’estremo del Leinster ha debuttato quest’anno con la prima squadra nel Pro14, mostrando subito tutte le sue qualità in fase offensiva. Dinamismo, cambi d’angolo e velocità sono subito apparse fuori dal comune e hanno convinto Leo Cullen a dare fiducia al prodotto dell’Academy, che finora ha infatti collezionato tredici presenze tra campionato e Champions Cup.

L’interesse attorno a Larmour è cresciuto nel corso dei mesi, fino ad esplodere fragorosamente lo scorso 26 dicembre nel derby tra Munster e Leinster, vinto dai dubliners per 24-34 grazie anche a una sensazionale meta segnata dal ventenne ripartendo dalla propria metà campo. È stata la partita della prima consacrazione ufficiale: in molti lo invocavano subito titolare nel XV dell’Irlanda per l’esordio nel Sei Nazioni 2018 contro la Francia, ma Joe Schmidt non è stato dello stesso avviso.

Il neozelandese si è limitato a convocarlo nel gruppo dei 39 annunciato a gennaio, preferendogli l’esperienza di Rob Kearney per la delicata sfida parigina, ma la comparsa sulla scena internazionale potrebbe arrivare molto presto. Stando alle indiscrezioni raccolte da The42.ie, infatti, Larmour dovrebbe essere in panchina per la sfida all’Italia all’Aviva Stadium in programma sabato, pronto a subentrare per fare il proprio esordio con la maglia verde.

La maglia numero 15 nel frattempo rimane salda sulle spalle di Rob Kearney, ma la nuova promessa del rugby irlandese è senz’altro uno degli uomini più attesi sull’isola di smeraldo.

Larmour sarebbe soltanto uno dei possibili cambi che Schmidt dovrebbe operare nella lista dei 23 per il match contro gli Azzurri. Detto dell’infortunio occorso a van der Flier, al suo posto ci sarà Dan Leavy, mentre in seconda linea John Ryan resterà fuori per un problema all’inguine e farà spazio a Devin Toner. Potrebbe partire dalla panchina CJ Stander, in luogo di un altro leinsterman come Jack Conan. Schmidt annuncerà la formazione domani alle 14:45.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Inghilterra, Eddie Jones: “Dobbiamo valutare la situazione dei Saracens, in vista del Sei Nazioni 2020”

Il tecnico dei vicecampioni del mondo interviene sul caso che sta catalizzando le attenzioni ovali d'Oltremanica

19 Novembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles, Gatland: “Il limite di cap per giocare in nazionale è troppo alto”

Nella sua nuova autobiografia l'allenatore critica il numero di presenze necessarie a un giocatore che milita all'estero per essere convocato

14 Novembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Francia: presentato lo staff di Fabien Galthié, c’è Shaun Edwards

Come vociferato da mesi il guru della difesa del Galles passerà ai transalpini, in uno staff che comprende anche Labit e Servat

13 Novembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: 100 giorni al via. Il calendario dell’edizione 2020

Il più antico e prestigioso torneo dell'Emisfero Nord inizia a scaldare i motori

24 Ottobre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni