Sei Nazioni 2018: Irlanda, possibile debutto per Larmour contro l’Italia

Il ventenne del Leinster è molto atteso in patria e sabato potrebbe andare in panchina. Fuori James Ryan

ph. Reuters

Jordan Larmour è sulla bocca di tutti in Irlanda da un paio di mesi. Classe 1997, l’estremo del Leinster ha debuttato quest’anno con la prima squadra nel Pro14, mostrando subito tutte le sue qualità in fase offensiva. Dinamismo, cambi d’angolo e velocità sono subito apparse fuori dal comune e hanno convinto Leo Cullen a dare fiducia al prodotto dell’Academy, che finora ha infatti collezionato tredici presenze tra campionato e Champions Cup.

L’interesse attorno a Larmour è cresciuto nel corso dei mesi, fino ad esplodere fragorosamente lo scorso 26 dicembre nel derby tra Munster e Leinster, vinto dai dubliners per 24-34 grazie anche a una sensazionale meta segnata dal ventenne ripartendo dalla propria metà campo. È stata la partita della prima consacrazione ufficiale: in molti lo invocavano subito titolare nel XV dell’Irlanda per l’esordio nel Sei Nazioni 2018 contro la Francia, ma Joe Schmidt non è stato dello stesso avviso.

Il neozelandese si è limitato a convocarlo nel gruppo dei 39 annunciato a gennaio, preferendogli l’esperienza di Rob Kearney per la delicata sfida parigina, ma la comparsa sulla scena internazionale potrebbe arrivare molto presto. Stando alle indiscrezioni raccolte da The42.ie, infatti, Larmour dovrebbe essere in panchina per la sfida all’Italia all’Aviva Stadium in programma sabato, pronto a subentrare per fare il proprio esordio con la maglia verde.

La maglia numero 15 nel frattempo rimane salda sulle spalle di Rob Kearney, ma la nuova promessa del rugby irlandese è senz’altro uno degli uomini più attesi sull’isola di smeraldo.

Larmour sarebbe soltanto uno dei possibili cambi che Schmidt dovrebbe operare nella lista dei 23 per il match contro gli Azzurri. Detto dell’infortunio occorso a van der Flier, al suo posto ci sarà Dan Leavy, mentre in seconda linea John Ryan resterà fuori per un problema all’inguine e farà spazio a Devin Toner. Potrebbe partire dalla panchina CJ Stander, in luogo di un altro leinsterman come Jack Conan. Schmidt annuncerà la formazione domani alle 14:45.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni