Sei Nazioni 2018, Inghilterra: Youngs fuori quattro mesi, ecco Wigglesworth

Il mediano di mischia si è infortunato al collaterale del ginocchio sinistro. Per sostituirlo c’è il numero 9 dei Saracens

ph. Reuters

Ben Youngs si è infortunato dopo pochissimi minuti di gioco della sfida fra Italia e Inghilterra di domenica scorsa. Il mediano di mischia è stato sfortunato nel vedere uno dei propri compagni cadergli sul ginocchio in seguito a una collisione in ruck proprio mentre stava passando il pallone. Trasportato fuori dal campo in barella e con la gamba immobilizzata, Youngs dovrà adesso rimanere fuori almeno per quattro mesi a causa della rottura del legamento mediale collaterale del ginocchio sinistro.

Questa settimana Youngs sarà nuovamente esaminato e si consulterà con un chirurgo per sapere con più precisione quali saranno i tempi di recupero. Nel frattempo il Sei Nazioni per lui finisce qui e anche i Leicester Tigers dovranno fare a meno di una delle loro stelle con ogni probabilità fino al termine della stagione.

Per sostituirlo, lo staff tecnico inglese ha convocato fra le fila della rosa che sta preparando l’atteso incontro con il Galles Richard Wigglesworth, il mediano di mischia dei Saracens campioni d’Europa.

Una convocazione particolare: negli ultimi anni la maglia numero 9 dell’Inghilterra è stata appannaggio del duo Youngs-Care, e Wigglesworth, che ha peraltro 34 anni, non gioca un test internazionale dal 2015, quando partì titolare nell’ultima vittoria dell’Inghilterra alla coppa del mondo casalinga, contro l’Uruguay. Una giornata comunque da dimenticare.

“Non sono interessato a concludere (la carriera, ndr) a breve – ha detto Wigglesworth al sito ufficiale della federazione inglese – Penso che sia per questo che Eddie mi abbia voluto dare un’occhiata nella settimana dei Barbarians, voleva probabilmente vedere in che sorta di forma fossi e se c’era ancora un desiderio di migliorarsi, cosa che possiedo.”

Wigglesworth ha infatti fatto la sua ultima apparizione in un test che non dava caps nella partita fra Inghilterra e Barbarians dell’estate scorsa. Se dovesse entrare nel corso della partita con il Galles, cosa che appare assai probabile vista la presenza di due soli mediani di mischia nella rosa inglese, tornerebbe in campo esattamente dieci anni dopo il giorno del suo debutto contro la Francia, a Parigi, nel 2008.

“Mi ispiro a persone come Neil de Kock che è rimasto ai Saracens fino a 38 anni ed era il più in forma di tutta la squadra, Peter Stringer che sta facendo lo stesso e altre persone nel mondo dello sport che sono fra i migliori nel loro gioco” ha aggiunto ancora Wigglesworth.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: le designazioni arbitrali per ottobre e novembre

I direttori di gara per i recuperi del Sei Nazioni maschile e femminile, e per la Autumn Nations Cup

24 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Irlanda: sta per ritirarsi Rob Kearney, il giocatore con più trofei

La sconfitta ai quarti di Champions marca il passo d'addio per uno degli estremi più forti di sempre

20 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

I giocatori dell’Inghilterra hanno accettato una riduzione salariale del 25%

Analogo taglio accettato dal coach Eddie Jones lo scorso marzo

12 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Leonardo Ghiraldini

Il tallonatore azzurro snocciola la sua formazione più forte nei 20 anni del Torneo. Due azzurri in campo, tanta Irlanda e una spruzzata di talento in...

8 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

8 Nazioni: Georgia in pole position per sostituire il Giappone

I caucasici sono pronti, in caso di rinuncia dei nipponici, a fare il loro ingresso nel torneo

29 Agosto 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni