Irlanda: si ferma Garry Ringrose

Il giovane centro di Leinster si è infortunato nel fine settimana alla caviglia. Salterà le prime due del Sei Nazioni

ph. Sebastiano Pessina

La notizia conferma che quest’anno il Sei Nazioni sarà un torneo disputato da coloro che sono ancora in piedi. Il numero di giocatori internazionali infortunati è in costante aumento e dopo il forfait di Zander Fagerson per la Scozia della settimana scorsa è il turno dell’Irlanda.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Irish Independent, infatti, la stellina della linea arretrata del Leinster e della nazionale in verde Garry Ringrose sarà fuori sia nei prossimi turni di Champions Cup che per le prime due partite del Sei Nazioni 2018.

Il guaio per il 22enne, rientrato da poco da un infortunio alla spalla che gli aveva fatto saltare i test match estivi ed autunnali, è alla caviglia: una brutta caduta alla sua quinta presenza stagionale lo ha costretto ad uscire nel match stravinto dal suo Leinster contro Ulster sabato pomeriggio.

Si tratta di un infortunio alla caviglia che coinvolge la sindesmosi della tibia, e che lo terrà fuori per circa sei settimane. Questo tipo di infortunio è ricorrente fra le fila della squadra di Dublino: Isa Nacewa, Josh van der Flier e Dan Leavy ne hanno tutti sofferto prima di Natale, rimanendo fuori per diverse settimane.

Nel ruolo di centro l’Irlanda può contare sulla presenza di Robbie Henshaw e Bundee Aki, che hanno ben figurato a novembre, ma dietro di loro la coperta, per Joe Schmidt, si fa abbastanza corta.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno