Sevens World Series: en plein per gli All Blacks in Sudafrica

Insolita finale con l’Argentina (vinta 38-14) e primato in classifica. Blitzboks terzi davanti al pubblico di casa.

Ravouvou All Blacks Sevens Cape Town

Joseva Ravouvou nella finale con i Pumas – Ph. Mike Lee / KLC Fotos per World Rugby

Si conferma ricca di colpi di scena la nuova stagione delle World Series di Sevens, il cui secondo episodio è andato in onda questo weekend da Città del Capo.
La finale è stata infatti un’insolita sfida tra Nuova Zelanda (che non portava a casa l’oro nelle Series da Vancouver 2016 e qui non vinceva dal 2012) e Argentina, con gli All Blacks che hanno eliminato in semifinale i favoritissimi padroni di casa del Sudafrica
, prendendosi la rivincita rispetto al torneo d’esordio di Dubai, e i Pumas vittoriosi 14-12 sul più esperto Canada.

 

Il match valido per l’oro è quasi un monologo tuttonero, interrotto solo da due folate biancocelesti al termine di entrambe le frazioni di gioco. L’Argentina mette in campo grinta e determinazione, sapendo di avere di fronte un VII avversario tecnicamente superiore e in grado di colpire in ogni momento. Così accade dopo tre minuti dal kick off, quando un incontenibile Joseva Ravouvou porta a spasso cinque Pumas nei loro 22 e arriva a schiacciare sotto i pali. Dopo neppure un minuto, raddoppio con Vilimoni Koroi che esce dalla mischia con l’ovale in mano e sfrutta un clamoroso “buco” nella difesa sudamericana. Quindi Lautaro Bazan Velez, grazie a una bella finta che lascia sul posto gli All Blacks, prova a riportare l’Argentina in partita. Si va a riposo sul 14-7.
Neozelandesi che ripartono però carichi dopo la pausa e trovano a breve la terza meta per mano di Tim Mikkelson, quindi chiudono i giochi andando ancora a segno con Ravouvou: per lui nuovamente 35 metri di corsa resistendo a svariati tentativi di placcaggio da parte dei difensori argentini. Il definitivo 38-14 è merito delle marcature di Regan Ware per i tuttineri, Luciano Gonzales a tempo quasi scaduto per l’orgoglio Pumas e ancora un lampo della Nuova Zelanda, che nel final play intercetta un pallone mal giocato dai sudamericani e va in meta con Sione Molia dopo una fuga iniziata nella propria metà campo. Meritatissimo il titolo di “Player of the Final” per Ravouvou e haka finale degli All Blacks per celebrare il ritorno alla vittoria.

 

Nella “finalina”, i Blitzbokke, davanti al pubblico amico, hanno la meglio sui Canadesi dopo una partita molto intensa e chiudono al terzo posto, lasciando comunque il vertice della classifica agli All Blacks. Proprio i sudafricani aprono le marcature, con Siviwe Soyizwapi che riceve un cross kick perfetto, a tagliare tutto il campo e in grado di scavalcare l’intera difesa nordamericana. Quindi replica delle Maple Leafs: è Harry Jones a finalizzare un’intelligente giocata al piede di Hirayama, ma l’errore nella conversione tiene il Canada sotto di due punti. In chiusura di primo tempo sono ancora i campioni in carica a concludere a punti con Ruhan Nel, al termine di una bella azione corale (che costa anche il giallo al canadese Kaay per un placcaggio pericoloso). La ripresa si apre subito a trazione gialloverde, con Specman che trova la terza meta per i suoi al termina di una corsa solitaria da metà campo. Tornato in parità numerica, però, il Canada trova la forza per reagire, affidandosi alla coppia Moonlight-Hirayama: offload del primo, e numero 9 che resiste a una carica e si invola oltre la linea. Ancora Hirayama è autore della meta che riporta in gara le Maple Leafs: si va al final play sul 19-17 per i padroni di casa. Una gran giocata di Moonlight consente ai canadesi di tenere il possesso dell’ovale, ma il tentativo di sfondamento finale viene interrotto da un fallo e i Blitzboks possono festeggiare il bronzo.

Match a senso unico, invece, sia la finale quinto posto -con dominio dei campioni olimpici di Fiji sugli Stati Uniti (26-12)- che la sfida per il Challenge Trophy, dove l’Australia ha facilmente la meglio sulla Spagna (26-7).

 

Alcuni verdetti a sorpresa erano già emersi il primo giorno, al termine della fase a gironi. Come da pronostici, è stata la Pool D quella più incerta: Canada e Fiji l’hanno spuntata, non senza faticare, su Galles e Samoa, e nessuna delle quattro squadre è riuscita a chiudere a punteggio pieno. Bottino competo, invece, per gli Stati Uniti nella Pool B, che hanno messo in campo una ritrovata grinta rispetto alla deludente prova negli Emirati: per loro anche una vittoria sugli All Blacks, secondi, lasciando l’Australia e la Spagna nella parte bassa del tabellone. In Pool C la rivelazione (confermatasi poi tale anche nella giornata a eliminazione diretta) è stata proprio l’Argentina, che ha chiuso dietro all’Inghilterra e davanti alla Scozia. Infine, in Pool A, tre vittorie e primato per il Sudafrica, seguito dalla Francia, in grado di superare il Kenya e accedere così ai Quarti.

Il Dream Team della seconda tappa 2017-2018 include i principali protagonisti della due giorni a Città del Capo: i neozelandesi Mikkelson e Koroi, l’argentino Rodrigo Etchart, il sudafricano Philip Snyman, i canadesi Mike Fuailefau e Justin Douglas e il figiano Amenoni Nasilasila (eletto Impact Player del weekend).

Le Sevens World Series tornano nel weekend 26-28 gennaio 2018 da Sidney, Australia, sia con il torneo maschile che con quello femminile.

 

I risultati

Gironi
Pool A – Sudafrica 9, Francia 7, Kenya 5, Russia 3
Pool B – Stati Uniti 9, Nuova Zelanda 7, Australia 5, Spagna 3
Pool C – Inghilterra 9, Argentina 7, Scozia 5, Uganda 3
Pool D – Canada 7, Samoa 7, Galles 5, Samoa 5

Quarti di finale
Sudafrica v Fiji 31-26
Nuova Zelanda v Inghilterra 17-12
Canada v Francia 35-7
Argentina v Stati Uniti 28-12

Semifinali
Nuova Zelanda v Sudafrica 19-12
Argentina v Canada 14-12

Finali
Challenge – Australia v Spagna 26-7
Bronzo – Sudafrica v Canada 19-17
Oro – Nuova Zelanda v Argentina 38-14

 

Classifica (dopo due giornate): Nuova Zelanda 41, Sudafrica 39, Fiji 28, Inghilterra 27, Argentina 24, Australia 21, Canada 20.

 

Francesco Rasero

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sevens World Series 2022: a Londra vince l’Australia, titolo al fotofinish

L'Australia si impone nella tappa di Londra delle Sevens World Series, ma il podio 2022 sarà definito solo all'ultima giornata.

30 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Sevens World Series a Twickenham, volata finale per il titolo 2022

Twickenham ospita la penultima tappa delle Sevens World Series 2022, in un finale di stagione ancora aperto, con almeno quattro candidate al titolo.

26 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Sevens World Series 2022: ecco il podio femminile, giochi riaperti nel maschile

La tappa di Tolosa delle Sevens World Series ha chiuso la stagione femminile definendo il podio, mentre nel torneo maschile tutto può ancora accadere....

23 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Doppio appuntamento nel weekend con il rugby a sette mondiale

Le Sevens World Series maschili e femminili si disputeranno a Tolosa, in Francia

18 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

L’Australia vince le Sevens World Series femminili 2022

Grazie al successo in Canada, l'Australia Sevens femminile si aggiudica le World Series 2022 con una giornata di anticipo.

2 Maggio 2022 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Sevens femminile, le Black Ferns tornano nelle World Series

Questo weekend appuntamento in Canada con le World Series di rugby Sevens femminile, primo torneo in cui tornano in campo le Black Ferns neozelandesi ...

29 Aprile 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series