Il rugby Seven verso la conferma tra gli sport delle Olimpiadi

La ratifica ufficiale del CIO a settembre. Parigi e Los Angeles città candidate.

2016 Rio Olympics - Rugby - Men's Victory Ceremony - Deodoro Stadium - Rio de Janeiro, Brazil - 11/08/2016. Players from Britain, Fiji and South Africa pose for photos at the victory ceremony.

Ph. Reuters

Il Rugby Seven è pronto ad andare nuovamente in meta alle Olimpiadi.
L’Executive Board del Comitato Olimpico Internazionale ha confermato la palla ovale tra le discipline dei Giochi del 2024, insieme agli altri 27 sport già presenti a Rio 2016.

La decisione verrà ratificata ufficialmente a settembre, quando il CIO deciderà anche la sede delle Olimpiadi 2024, scegliendo tra le candidature di Los Angeles, Stati Uniti, e Parigi, Francia.

Le città candidate alle Olimpiadi 2024

 

«La “famiglia globale” del rugby è entusiasta di questa decisione. Essa rappresenta un attestato di fiducia e un importante sostegno al Sevens, che al suo debutto lo scorso anno è già risultato tra gli sport olimpici più in evidenza -commenta Bill Beaumont, presidente di World Rugby In attesa della conferma ufficiale per il 2024, ci stiamo già impegnando in vista dei Giochi olimpici di Tokio 2020, con l’obiettivo di offrire un altro torneo ad alto tasso di spettacolarità».

 

La visibilità ottenuta a Rio 2016 ha dato un’importante spinta al movimento ovale mondiale, e in particolare al Sevens, attraendo nuovi giocatori e fan in tutto il mondo: oggi gli appassionati a livello planetario sono oltre 300 milioni, con una grande crescita registrata soprattutto tra giovani e ragazze.

L’appuntamento olimpico è anche stato l’evento di rugby a sette più seguito e commentato di tutti i tempi, lanciando in particolare l’hashtag #Rugby7s che ancora oggi è usato a livello globale in occasione di gare e tornei.

 

di Francesco Rasero

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione dell’Irlanda per i quarti di finale

Schmidt punta sull'usato sicuro: XV collaudato e molto simile a quello che ha battuto i tuttineri nel 2018

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O'Connor

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Il XV del Sudafrica per il Giappone

Mbonambi titolare contro la formazione di casa per il delicato quarto di finale degli Springboks

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Jones sceglie l’Inghilterra per i quarti

George Ford fuori a sorpresa, si rivede Henry Slade. C'è anche Mako Vunipola

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione degli All Blacks per i quarti di finale

Hansen conferma Lienert-Brown e Goodhue come coppia titolare di centri, la stessa vista contro la Namibia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019