Sei Nazioni Femminile: Scozia, torna Jade Konkel per la sfida alle Azzurre

Due cambi nel XV delle Dark Blues alla caccia del secondo successo nel Torneo

scozia femminile sei nazioni femminile

ph. Matteo Mangiarotti

EDIMBURGO – “Dopo la brutta sconfitta in Francia, ci siamo ritrovate in allenamento, abbiamo recuperato e contro il Galles abbiamo fatto bene. Mi aspetto che sia così anche stavolta, voglio vedere una risposta dal punto di vista mentale a questa sconfitta. Abbiamo in mente il game-plan da utilizzare contro l’Italia, loro non sono al livello dell’Inghilterra ma sono una buona squadra che contro le inglesi ha giocato molto bene. Sarà una grande sfida per noi, ma una sfida che vogliamo affrontare. Non abbiamo paura, non vediamo l’ora che arrivi l’ultima gara del Torneo perché vogliamo giocarla. Se dovessimo prenderci la vittoria contro l’Italia, sarebbe il miglior Sei Nazioni di sempre, da quando è in questo formato. Come detto, però, dobbiamo vincerla, quella partita; finora abbiamo ottenuto un successo di un punto, gran risultato perchè arrivava dopo sette anni ma adesso vogliamo di più. Il nostro obiettivo, adesso, è chiudere il Torneo con due vittorie.”

Shade Munro, head coach della Scozia Femminile,  ha cambiato due elementi – e un cambio di posizione – nel XV rispetto alla gara di sabato scorso, quando le Dark Blues sono uscite sconfitte dal Twickenham Stoop contro l’Inghilterra. Katie Dougan, pilone della Edinburgh University, dopo 8 caps dalla panchina avrà la prima occasione di debuttare dall’inizio. Katie, 22 anni, ha conquistato il suo primo cap proprio contro l’Italia nell’edizione 2015 del Sei Nazioni e giocato l’ultima volta con il Cardo sul petto in novembre contro la Spagna.

 

 

L’altra novità è il rientro di Jade Konkel, che è stata costretta a guardare il match di Londra dagli spalti per un problema alla mano, con Jemma Forsyth che torna blindside e Sarah Bonar che si accomoda in panchina, dove si rivede la tallonatrice Rachel Malcolm, che ha recuperato contro ogni pronostico dall’infortunio alla caviglia rimediato nella prima gara contro l’Irlanda.

“L’Italia non ha ancora vinto una gara in questa edizione ma ci è andata vicina più di una volta, mettendo in difficoltà l’Inghilterra e la Francia; sono una squadra forte fisicamente, mi aspetto una battaglia lunga ottanta minuti ma noi dobbiamo concentrarci su noi stesse e cercare di fare bene. Hanno giocatrici molto interessanti, come Barattin in mediana e Furlan, estremo che sa leggere molto bene la gara. Sono una squadra che cerca di giocare veloce l’ovale e noi dovremo essere capaci di impedire loro di mettere in campo il loro gioco”, ha detto Konkel.

Heather Lockhart, qualora venisse utilizzata, entrerebbe nella storia del Sei Nazioni Femminile come l’atleta con più caps (59) nel Torneo. Un traguardo importante per la 44enne pilone delle Hillhead/Jordanhill, che ha esordito nel 2004 contro gli USA con la maglia della Scozia.

 

Kick off previsto alle 6.20pm locali, le 19:20 in Italia. Si gioca al Broadwood Stadium di Cumbernauld – per chi intende venire alla partita utilizzando i mezzi pubblici, consigliamo di prendere il treno da Waverley o Haymarket (venendo da Edimburgo) o Glasgow Queen St e scendere a Croy. Da lì, lo stadio dista un miglio – consigliato chiamare un taxi che al costo di £3 a corsa vi porterà di fronte all’ingresso.

 

Scozia Femminile

15. Chloe Rollie (Murrayfield Wanderers) – 16 caps
14. Megan Gaffney (Edinburgh University) – 24 caps
13. Lisa Thomson (Edinburgh University) – 11 caps
12. Lisa Martin (C) (Murrayfield Wanderers) – 36 caps
11. Rhona Lloyd (Edinburgh University) – 11 caps
10. Helen Nelson (Murrayfield Wanderers) – 8 caps
9.  Sarah Law (Murrayfield Wanderers/Edinburgh University) – 29 caps
1. Tracy Balmer (Worcester) – 42 caps
2. Lana Skeldon (Hillhead Jordanhill) – 20 caps
3. Katie Dougan (Edinburgh University) – 8 caps
4. Emma Wassell (Murrayfield Wanderers) – 22 caps
5. Deborah McCormack (Aylesford Bulls) – 22 caps
6. Jemma Forsyth (Hillhead Jordanhill) – 20 caps
7. Louise McMillan* (Hillhead Jordanhill) – 6 caps
8. Jade Konkel (Hillhead Jordanhill) – 26 caps

A disposizione
16. Rachel Malcolm (Lichfield) – 3 caps
17. Heather Lockhart (Hillhead Jordanhill) – 88 caps
18. Lindsey Smith (Hillhead Jordanhill) – 36 caps
19. Sarah Bonar (Lichfield) – 6 caps
20. Lyndsay O’Donnell (Worcester) – 13 caps
21. Jenny Maxwell (Lichfield) – 14 caps
22. Lauren Harris (Melrose) – 18 caps
23. Eilidh Sinclair (Murrayfield Wanderers) – 15 caps

 

di Matteo Mangiarotti

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni: la Francia potrebbe “abbandonare” lo Stade de France

Una trattativa, in comune col calcio, e all'orizzonte una potenziale sede alternativa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: in vendita i biglietti per le partite in casa dell’Italia

Tre i match in agenda: contro Francia, Irlanda e Galles

26 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: gli highlights della quarta giornata

Successo straripante dell'Inghilterra, la Francia insegue e vince in Galles senza brillare particolarmente

25 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: i risultati del quarto turno e la classifica aggiornata

Prosegue il testa a testa tra Francia e Inghilterra

24 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: un cambio dell’ultima ora nell’Italia che sfida la Scozia

Terza linea azzurra rivista a causa dell'assenza di Elisa Giordano. Entra nelle 23 Alessandra Frangipani, pronta a sfidare le scozzesi

23 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la preview della quarta giornata

Il Galles prova a sorprendere la Francia, Azzurre attese da una prova di riscatto contro la Scozia

22 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni