Inghilterra, Borthwick e Nowell tornano sulla ‘The Fox’ italiana

Entrambi concordano: esperienza da cui abbiamo imparato. E l’assistant coach trova anche un lato positivo: meno collisioni

ph. Action Images/Henry Browne

ph. Action Images/Henry Browne

Sul match di Twickenham tra Inghilterra e Italia, e sulla brillante strategia adottata dagli azzurri ribattezzata dallo stesso O’Shea ‘The Fox’, è intervenuto anche l’allenatore degli avanti del XV della Rosa, Steve Borthwick. L’ex seconda linea ha ammesso che si è trattata di un’esperienza da cui tutti hanno potuto apprendere qualcosa, all’interno del processo di sviluppo della squadra. “Penso ci siano sempre delle aree in cui bisogna migliorare – ha dichiarato Borthwick a Sky Sports UK – E penso che in via definitiva dobbiamo sempre considerare le cose nell’ottica di una performance di 80 minuti, ed è il motivo per cui parliamo così tanto dei nostri finisher”. Tornando sulla tattica che gli inglesi hanno dovuto affrontare contro l’Italia, l’assistant coach trova anche un altro lato positivo in merito: “Ci sono state meno collisioni del solito. Nell’ultima partita internazionale, Courtney Lawes era ricoperto di ghiaccio dalla testa ai piedi, ma dopo la partita con l’Italia i ragazzi si sentivano freschi ed in allenamento i livelli di energia erano fantastici”.

 

Sky Sports UK ha parlato anche Jack Nowell, l’uomo che ha tolto le castagne dal fuoco per l’Inghilterra con la meta del break decisivo a dieci minuti dal termine. “Per me il primo tempo è stato difficile da guardare – ha dichiarato l’ala di Exeter, entrata nella ripresa nel match di domenica – Noi riserve potevamo guardare e ovviamente discuterne, è completamente diverso quando sei in campo e sei coinvolto, ma se mi avessi chiesto prima della gara ‘vittoria con punto di bonus e sei mete?’ non ci avremmo pensato due volte“.

Nowell offre anche uno spaccato dell’intervallo vissuto dagli inglesi (sotto 5-10), con Eddie Jones “sceso in panchina e che ci ha detto quello che stavano facendo e quello che avremmo fatto noi ora. È stato utile avere quelle informazioni e sono state chiare, ma quando sei nel bel mezzo della partita diventa più difficile”. Infine, ancora un commento sulla strategia delle no ruck azzurre: “Come squadra abbiamo imparato da questa tattica. È dura quando non c’è breakdown, lo usiamo come punto di partenza per la maggior parte dei nostri schemi, per cui ci hanno confuso”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni, Irlanda: si ferma Tadhg Beirne, out per le prime due del Torneo

Il seconda linea di Munster avrebbe potuto essere una delle novità per Schmidt, visto il momento di forma

21 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Inghilterra: “Johnny Sexton ha il batsegnale per gli arbitri” dice Eddie Jones

Secondo l'head coach della nazionale inglese, il 10 dell'Irlanda riceverebbe attenzioni speciali dai fischietti

21 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Inghilterra: Eddie Jones e il nono avanti

Piani tattici per il prossimo futuro da parte dell'head coach della nazionale inglese: un nuovo ruolo per Jack Nowell

18 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: i convocati dell’Inghilterra per l’inizio del torneo

Sono 35 gli uomini scelti da Eddie Jones, che ritrova giocatori illustri. Farrell confermato come capitano

17 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: i convocati dell’Irlanda per le prime due partite del torneo

Sono 38 i giocatori scelti per il gruppo che detiene il titolo: 3 gli esordienti assoluti

16 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni