Wilkinson e Johnson in coro: questa Inghilterra è come quella del 2003

I campioni del mondo caricano la squadra, reduce da un 2016 superbo

wilkinson johnson rugby

ph. Action Images

Dopo essersi messa alle spalle l’annus horribilis 2015 ed aver cambiato guida tecnica, la nazionale inglese in questo 2016 ha saputo solo vincere: 13 successi in altrettanti incontri, con Eddie Jones al timone. Oltremanica si è ritrovato un grande ottimismo e già si guarda al prossimo triennio, quello che si concluderà con la Rugby World Cup 2019.

 

Fra i grandi sostenitori del nuovo ciclo alla guida della nazionale inglese c’è Jonny Wilkinson, 91 caps e campione del mondo 2003. “Nel gruppo c’è tanta energia e il mio ruolo potrà tornare utile solo se ne avranno davvero bisogno – esordisce l’ex apertura al Telegraph a proposito di un futuro coinvolgimento tecnico – non ho nulla da aggiungere all’alto valore dei ragazzi, anzi. Sono in soggezione per quello che stanno facendo, nonostante abbia giocato ad alti livelli per vent’anni. La squadra ha la stessa tempra di quella del 2003 con Woodward“.
Un endorsement che prosegue: “Ai ragazzi non manca niente. Sono in grado di eseguire il gameplan in maniera perfetta cercando di controllare tutti i singoli aspetti di ogni gara per arrivare alla vittoria. La strada è quella giusta, va mantenuta per arrivare a vincere qualcosa di importante“.

 

Parole importanti sono arrivate anche da Martin Johnson, capitano del gruppo campione del mondo nel 2003: “Dopo la Coppa del Mondo c’è stato un salto incredibile. Ora l’Inghilterra vince le partite in tutti i modi ed è questa la cosa che conta: vincere. Solo così puoi arrivare a costruire una squadra che punta alla Coppa del Mondo“.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

In Nuova Zelanda temono di aver regalato all’Irlanda un altro potenziale titolare internazionale

James Lowe, Gibson-Park e Bundee Aki: ora c'è lo spettro di un nuovo errore

item-thumbnail

Test Match Summer Series 2024: due partite verranno dirette da arbitri italiani

Una partita a fine giugno e una a metà luglio. Ci sono anche designazioni da assistenti

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...