La Roma del calcio volta le spalle all’Olimpico: il rugby pronto a prenderselo

La società giallorossa ormai prontissima a lasciare la struttura. Un vero e proprio assist per la FIR

Lo Stadio Olimpico di Roma

La notizia è di qualche giorno fa, ed è passata sotto silenzio. Certo era afferita al mondo del calcio, ma la ricaduta sull’Ovalia italiana sarebbe di quelle importanti. Vediamo un po’: il Secolo d’Italia titola “La Roma dice addio allo Stadio Olimpico: «È diventato dannoso»”. Eurosport, lo stesso giorno: “Baldissoni: Olimpico troppo grande, potremmo spostarci”. Il Messaggero, il quotidiano romano per antonomasia? Eccolo qui: “Roma, Baldissoni attacca: Vogliamo un Olimpico più accessibile altrimenti andremo via”. E poi una valanga di siti specializzati di calcio che riportano più o meno tutti la stessa notizia, e cioè che la Roma che potrebbe lasciare l’Olimpico dando un’accelerata importante al progetto di costruzione del suo stadio.
La notizia non è nuova, ma stavolta le parole del direttore generale della società giallorossa Mauro Baldissoni sono arrivate dalla radio ufficiale del club e non sono state “strappate” da qualche giornalista, ma evidentemente ben meditate. Non solo, perché l’ipotesi che viene avanzata è che la Roma potrebbe lasciare l’Olimpico ancora prima di avere uno stadio tutto suo: ” Forse dobbiamo cominciare a considerare stadi diversi e più piccoli che consentono di massimizzare l’effetto del pubblico”.

 

Questo accadeva tra il 10 e l’11 settembre scorso. Mercoledì 14 settembre il patron della Roma James Pallotta ha incontrato il sindaco della capitale Virginia Raggi proprio per parlare del nuovo stadio che dovrebbe sorgere a Tor di Valle. Il dirigente statunitense si è detto ottimista: “Non vedo nessun problema in particolare, è stato un buon incontro. La gente si inventa le cose, vede problemi dove non ci sono, ma i rapporti con l’amministrazione comunale sono sempre stati ottimi, cosi’ come quelli con il governo nazionale e con quello regionale. Non ci sono mai stati problemi, magari c’e’ stato un ritardo di qualche mese per alcune cose, ma l’amministrazione comunale e tutti gli altri finora hanno risposto alla grande”.
Da parte sua la Raggi – che era accompagnata dal vicesindaco Daniele Frongia e dagli assessori alla mobilità e all’urbanistica Linda Meleo e Paolo Berdini – ha ribadito che “l’incontro è andato bene. Se abbiamo discusso anche del tema della riduzione delle cubature? Non abbiamo parlato di dettagli tecnici, questi saranno rinviati a prossimi incontri”.
Fonti ben informate parlano però di un intesa di massima che prevede l’inizio dei lavori già questo inverno con l’inaugurazione della struttura nel 2019, anche se un passaggio fondamentale rimane l’approvazione da parte del consiglio comunale (ancora da ottenere) della variante urbanistica al PRG. Ieri, martedì 20 settembre, Pallotta è stato anche più preciso: “Abbiamo 40mila pagine di dossier, abbiamo parlato con le istituzioni competenti e speriamo di iniziare i lavori a marzo”.

 

Pare quindi ormai sempre più certo che nel volgere di qualche anno la Roma lascerà il catino del Foro Italico e che a quel punto anche la Lazio sarebbe spinta a seguire quella stessa strada, anche se con una tempistica più diluita.
E a sorridere a quel punto sarebbe la FIR, come già scrivevamo il 20 gennaio del 2013, dove in chiusura dell’articolo si diceva: “E chi sarà pronta a raccoglierne l’eredità? Già, la FIR, che si ritroverebbe in mano uno stadio moderno quasi senza colpo ferire e a costo praticamente zero. Una struttura che potrebbe essere prestata – come peraltro già avviene – ad altri eventi sportivi e non. Bisognerà aspettare, ma la strada sembra già tracciata”. FIR che comunque al momento non ha ancora nessun passo ufficiale. Aspetta, e fa bene.
Parole che erano vere allora come lo sono oggi. Si tratta di un percorso che necessita inevitabilmente di tempo, qualche anno almeno, ma la via pare ormai tracciata, con il rugby che potrebbe contare a quel punto su uno stadio tutto suo nei fatti : il CONI infatti rimarrebbe il titolare della struttura ma a novembre e a febbraio/marzo chi altro potrebbe usarlo e riempirlo?

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I fondi del PNRR finanzieranno un nuovo campo da rugby a Cernusco sul Naviglio

Lo stanziamento sarà di quasi 5 milioni. Ad aprile la FIR aveva scelto il progetto della città milanese tra i venti proposti

18 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Sara Tounesi giocherà in Inghilterra: ufficiale il trasferimento alle Sale Sharks

La seconda linea azzurra inizia una nuova avventura in terra inglese, dopo due anni a Romagnat

17 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia femminile: le convocate per il raduno di Parma dal 19 al 21 agosto

Le 30 atlete (più 3 invitate) che lavoreranno con Andrea Di Giandomenico in vista dei due test con la Francia

17 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia, quanti esordienti alla Rugby World Cup?

Nel corso dell'ultima stagione 18 giocatori hanno esordito in Azzurro. Le loro possibilità di avere un posto al mondiale

16 Agosto 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Azzurro U18 Nicola Bozzo negli Espoirs del Perpignan

Dopo due anni alla Sedbergh School in Inghilterra, esperienza in Francia per il giovane centro di belle speranze

12 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Granzotto, la giovane mediana cresce dietro Barattin e Stefan: “Vogliamo i quarti al Mondiale. E sui social parlo di uguaglianza”

La numero 9 della Capitolina: "Lavorare con Sara e Sofia è un grande stimolo, spero un giorno di poter essere al loro posto"

11 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile