Sei Nazioni U20, dal 2018 uno spostamento per far crescere i giovani

Il torneo potrebbe non giocarsi più negli stessi week-end di quello senior: la richiesta di Galles e Scozia guarda lontano

ph. Matteo Ciambelli

ph. Matteo Ciambelli

Il Sei Nazioni, alla fine, non dovrebbe essere spostato: World Rugby sta rimettendo mano al calendario internazionale per il post-RWC 2019 e secondo le indiscrezioni raccolte dalla BBC il più importante torneo dell’emisfero nord – nonché quello con più tradizione e fascino di tutta Ovalia – non vedrà slittare il suo calcio d’inizio dall’inizio di febbraio al mese di aprile come invece si era supposto negli scorsi mesi.
Ma c’è un Sei Nazioni che potrebbe comunque subire un cambio di data: quello U20. Come racconta infatti Midi Olympique il board del torneo starebbe discutendo la possibilità di far slittare l’inizio della competizione riservata alle giovane speranze europee dopo la fine del torneo senior.

 

Introdotto nel 2008 per la prima volta il Sei Nazioni U20 si gioca infatti negli stessi fine settimana delle partite della competizione maggiore. Ora le federazioni di Galles e Scozia hanno chiesto di non sovrapporre più le due cose: WRU e SRU hanno infatti sottolineato che quei week-end possono diventare un momento in cui i giocatori più giovani possono aumentare in maniera quantitativamente e qualitativamente importante il minutaggio di gioco con le franchigie impegnate nella Guinness Pro12, proprio nel momento in cui queste ultime si trovano svuotate dai loro giocatori internazionali, impegnati proprio nel Sei Nazioni.

 

Una richiesta sensata che dà seguito a quella presentata tempo fa dalla Francia, anche se in quel caso non fu la FFR a dar vita alla richeiesta ma la lega dei club, la LNR.
Una opzione ancora in fase di studio presso la commissione “Age-Grade” del board del Sei Nazioni, ma che secondo il magazine transalpino dovrebbe essere discussa nelle prossime settimane. Se dovesse divenire concreta la riforma del torneo U20 partirebbe comunque dal 2018 e non dalla prossima edizione che scatterà come sempre in febbraio.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Irlanda-Italia verso le porte chiuse

La federazione irlandese rimborserà i biglietti per le sfide tra Irlanda e Italia (anche quella femminile) e gli spalti potrebbero restare vuoti

item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: date, orari e stadi per la conclusione del Torneo

La competizione si chiuderà entro il 31 ottobre, e ci sarà una conclusione anche per il torneo femminile

item-thumbnail

British & Irish Lions, Gatland: “Farrell e Itoje in Championship? Nessun problema”

L'allenatore fa il punto della situazione a un anno dal tour e fa sapere che potrebbe esserci un nuovo membro nello staff tecnico

item-thumbnail

Chris Robshaw: la depressione e il ruolo di Conor O’Shea

Il giocatore inglese torna sul post Rugby World Cup 2015 ricordando quei tristi momenti

item-thumbnail

Sei Nazioni: i giocatori dell’Italia scelti per creare il XV ideale

Per i vent'anni dalla "nascita" del torneo, arriva un'occasione unica per i fan: creare il loro best team

28 Luglio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Giappone e Fiji: perchè entrano loro nell’8 Nazioni?

Dietro la scelta della rappresentativa nipponica e di quella isolana