Azzurra e rosa: la palla ovale delle ragazze vince e scala il ranking

Per l’Italdonne ancora due vittorie al Sei Nazioni e i Mondiali in tasca. Con un movimento in costante crescita

ph. Matteo Ciambelli

ph. Matteo Ciambelli

Vincenti e convincenti. L’Italdonne anche questa stagione si conferma una delle luci più belle del movimento azzurro, grazie ai due successi contro Scozia e Galles e, soprattutto, alla qualificazione per la Coppa del Mondo del prossimo anno. Non che sia una sorpresa, del resto. Da quattro anni a questa parte le ragazze di Andrea Di Giandomenico hanno sempre vinto almeno due partite del Sei Nazioni, a conferma di una crescita costante dall’ingresso nella competizione avvenuto nel 2007. E l’ottavo posto nel ranking mondiale non fa che aggiungere lustro al lavoro svolto fin qui, sia sul campo dalle ragazze che dietro le quinte dal movimento come dimostrano i continui innesti di giovani ragazze nella rosa ma anche la crescita del numero di praticanti e la nascita di nuove squadre.

 

“Tutto questo è possibile anche grazie allo sviluppo che sta avendo il movimento – spiega proprio la responsabile del settore femminile Maria Cristina Tonna in un’intervista al sito federale – con una rete sempre più capillare su tutto il territorio italiano: i Tecnici di Sviluppo femminile operano inseriti nelle strutture tecniche del comitati regionali, supportando in primis le categorie Under 14 ed Under 16, con interventi nelle scuole e presso le società; la Fir coordina le varie attività regionali Juniores e Seniores in stretta sinergia con i comitati stessi e con le società, fulcro delle varie attività quotidiane, sia di reclutamento che di formazione”. E non solo, perché “stiamo avviando proprio in questo periodo un progetto che consentirà alle atlete juniores di frequentare i Centri di Formazione, per favorire l’acquisizione di una mentalità da atleta”. Per una nazionale  che viaggia a velocità sostenuta ci sono anche i club da cui le atlete provengono: “Altro tassello importante è il contributo economico – conclude la Tonna – che sarà assegnato per ciascuna convocazione, che spero possa dare ulteriore linfa alle attività femminili delle società da cui provengono le azzurre e che si privano delle stesse per un tempo così prolungato durante il 6 Nazioni”.

 

Sul campo, invece, una delle indiscusse protagoniste di questo percorso è senz’altro Melissa Bettoni, pilone destro che si è meritata anche una menzione nel XV ideale del torneo stilato da scrumqueens.com e uno dei simboli di un’Italia che continua a raccogliere applausi e a far crescere il proprio seguito. “Il rugby è un sport duro, in carriera qualche infortunio l’ho subito, ma sono stati incidenti di percorso, nulla di grave – racconta l’azzurra di Borgosesia a Tuttosport – In qualsiasi sport ti puoi fare male. Il rugby non è una negazione della femminilità, anzi accentua i punti di forza delle donne: tenacia e determinazione […] In Italia la palla ovale è in crescita grazie al traino della nazionale, ma le tesserate sono in aumento e le squadre iniziano a crescere di livello”. 25 anni da compiere, già 30 caps all’attivo e una maglia (quella della prima partita in azzurro) esposta al museo del rugby, ma anche un sogno nel cassetto: “Tornare in Valsesia a insegnare rugby. Avrò tante mamme da convincere ma chi conosce questo sport poi non lo molla più: che sia maschio o femmina”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italseven: le convocazioni di Saccà per il raduno di Catania

20 atlete selezionate per l'appuntamento siciliano

24 Novembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

La meta di Sara Barattin è in lizza per il premio di “Try of the year 2021” al femminile

Un'azione straordinaria chiusa dallo sprint finale della mediana di mischia

15 Novembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

L’Italia sconfigge i Paesi Bassi in amichevole

A Colorno, azzurre sempre in controllo della sfida

15 Novembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia femminile: le convocate per il test amichevole contro l’Olanda del 13 novembre

Sono 24 le azzurre convocate nel raduno che porterà alla sfida del prossimo 13 novembre alle 17.30 che si giocherà in Emilia

5 Novembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile