Eddie Jones placca subito i Lions: “Non sarò io a guidarli nel 2017”

Il ct della nazionale inglese si tira subito fuori dalla corsa alla selezione attesa dal tour in Nuova Zelanda

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

E’ arrivato in Inghiltera a novembre e subito ha portato il XV di Sua Maestà a vincere il Sei Nazioni. Il nome di Eddie Jones è quindi scattato in testa nei pronostici anche per la panchina dei British & Irisl Lions, che nel 2017 saranno protagonisti di un attesissimo tour in Nuova Zelanda. Il ct però si tira fuori immediatamente dalla corsa: “Non sono interessato – ha detto Jones – voglio spendere ogni minuto nel mio tempo nell’allenare l’Inghilterra. Avrò anche bisogno di ricaricare le batterie e non penso che guidare i Lions porti qualche vantaggio alla squadra inglese. L’unica ragione per cui potrei dichiararmi disponibile per quel ruolo sarebbe per un qualche prestigio personale, e non sono pronto per questo”.
Jones, dalle pagine di ESPNscrum, si è poi detto felice dell’eventuale chiamata di alcuni suoi giocatori e che non avrebbe problemi se tra i convocati ci fosse anche qualcuno del suo staff.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Scozia: Finn Russell e Gregor Townsend, prove di disgelo

L'apertura potrebbe tornare in nazionale. I rapporti col tecnico stanno migliorando

item-thumbnail

Il rugby può rinunciare ai test match di novembre?

Raelene Castle, CEO della federazione aussie, dice che si potrebbe pensare di chiudere il Super Rugby e giocare il Championship, evitando di venire in...

item-thumbnail

British & Irish Lions 2021: si pensa a una modifica del calendario nel tour in Sudafrica

Per gli organizzatori dell'evento c'è un must necessario: non sovrapporsi alla programmazione olimpica di Tokyo 2021

item-thumbnail

World Rugby apre a diversi scenari sui Test Match di luglio

Per Bernard Laporte, la soluzione migliore potrebbe essere incrementare il monte partite dei tour a novembre

item-thumbnail

World Rugby potrebbe annullare i tour estivi

Il Presidente della FFR Bernard Laporte ne ha discusso con l'ente mondiale vista la situazione sanitaria