Sei Nazioni 2016: Scozia maiuscola, il Galles soffre ma vince 27-23

Partita coraggiosa e ordinata degli Highlanders a Cardiff, i Dragoni non brillano ma vengono fuori alla distanza

ph. Henry Browne / Action Images via Reuters

ph. Henry Browne / Action Images via Reuters

La partita è subito elettrica, con Hogg che prova immediatamente a contrattaccare dalla propria metà campo, pur senza successo. I Dragoni alzano la voce a loro volta e vanno per le vie più semplici: mischia, penaltouche e maul sui 5 metri. Gli ospiti, però, contengono la furia gallese e un avanti dei padroni di casa vanifica tutto. Poco male, perché al sesto minuto è Gareth Davies ad aprire le marcature con una meta frutto di una splendida corsa di 40 metri, seppur apparentemente viziata da un fuorigioco del mediano di mischia. La risposta scozzese, tuttavia, non tarda ad arrivare ed è furiosa: due break di Laidlaw e le cariche degli avanti mettono sul piede avanzante la squadra e colgono di sorpresa la difesa gallese, Russell la scavalca con un calcetto delizioso e Tommy Seymour può finalizzare un’azione superba lunga 21 fasi (7-7 al 13′). Il match diventa più spezzettato, il Galles prova a riprendersi il pallino del gioco ma la Scozia rispetto ad una settimana fa sembra avere le idee più chiare, tanto da bloccare a lungo i Dragoni nella loro metà campo con grande applicazione ed evidenziando una certa superiorità anche nel breakdown. Al 28′ arriva però una tegola per Cotter: Hogg è costretto ad uscire per infortunio e a far posto a Jackson. Gli ospiti sono comunque in partita e passano in vantaggio con un piazzato dalla lunga distanza di Laidlaw, che viene pareggiato da Biggar  cinque minuti più tardi (10-10). A chiudere in fase offensiva, però, è sempre la nazionale del Cardo: i Dragoni sono ancora indisciplinati e Laidlaw manda i suoi al riposo in vantaggio per 10-13.

 

La Scozia si conferma molto lucida nel gioco tattico nelle primissime battute della ripresa, ma un’indecisione di Russell scatena un contrattacco di North che sposta l’azione nei 22 ospiti. I Dragoni provano ad alzare il ritmo ma non trovano sbocchi offensivi, ripiegando su un comodo calcio di punizione per il pareggio di Biggar (13-13). Warburton&co., però, non si scuotono. Anzi. Gli Highlanders continuano a disinnescare la potenza gallese e prendono il sopravvento anche in mischia chiusa, da cui ottengono il penalty del nuovo sorpasso sempre con capitan Laidlaw. Il momento sembra favorevole alla Scozia, ma da una palla persa da Hardie nei 22 gallesi Tom James ribalta completamente l’azione e soltanto un recupero lampo di Duncan Taylor evita una meta quasi certa. Biggar prova poi ad allargare il gioco con un cross kick, la Scozia sembra salvarsi in extremis ma un errore di Laidlaw sulla touche successiva riconsegna l’ovale ai Dragoni sui 5 metri. Si gioca centimetro dopo centimetro, i gallesi provano a in mischia pur soffrendo maledettamente il pack avversario, ma nonostante la netta superiorità scozzese (che forse meritava una punizione a favore) Jamie Roberts trova lo spazio per inserirsi e marcare il 20-16 al minuto 64. L’inerzia, ora, è tutta per i padroni di casa: al 70′ North evita ben quattro placcaggi di una difesa troppo molle e disorganizzata e chiude il match con la terza meta dell’incontro. Il Galles nel finale tira i remi in barca e ad approfittarne è Taylor con la bella meta che fissa il punteggio sul 27-23 finale.

 

Galles: Liam Williams, George North, Jonathan Davies, Jamie Roberts, Tom James, Dan Biggar, Gareth Davies; Rob Evans, Scott Baldwin, Samson Lee, Luke Charteris, Alun Wyn Jones), Sam Warburton, Justin Tipuric, Taulupe Faletau.
A disposizione: Ken Owens, Gethin Jenkins, Tomas Francis, Bradley Davies, Dan Lydiate, Lloyd Williams, Rhys Priestland, Gareth Anscombe.

Marcatori Galles
Mete: G. Davies (7), Roberts (64), North (70)
Conversioni: Biggar (7, 64, 70)
Punizioni: Biggar (35)

 

Scozia: Stuart Hogg, Sean Maitland, Mark Bennett, Duncan Taylor, Tommy Seymour, Finn Russell, Greig Laidlaw (c); Alasdair Dickinson, Ross Ford, Willem Nel, Richie Gray, Jonny Gray, John Barclay, John Hardie, Dave Denton
A disposizione: Stuart McInally, Gordon Reid, Zander Fagerson, Tim Swinson, Blair Cowan, Sam Hidalgo-Clyne, Duncan Weir, Sean Lamont

Marcatori Scozia
Mete: Seymour (13), Taylor (80)
Conversioni: Laidlaw (13), Russell (80)
Punizioni: Laidlaw (30, 40, 55)

 

di Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: la diretta streaming di Francia-Irlanda

Kick-off, allo Stade de France, in programma alle 21.05

31 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: la Scozia torna a vincere in Galles dopo 18 anni

Gli ospiti si impongono 14-10, al termine di una partita ricca di errori

31 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: la diretta streaming di Italia-Inghilterra

Kick-off previsto per le 17.45, allo Stadio Olimpico di Roma

31 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: la diretta streaming di Galles-Scozia

Kick-off alle 15.15, al Parc Y Scarlets

31 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Francia-Irlanda, una “finale” del Torneo

Partita decisiva allo Stade de France, con due mediane fortissime a confronto e tanti chili in mischia. Healy taglia il traguardo dei 100 caps

31 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni