Barraud butta il terrorismo alle spalle. E dichiara amore a Parigi

Il giocatore del Mogliano rilascia la sua prima intervista dopo i terribili fatti del 13 novembre

ph. Ottavia da Re

ph. Ottavia da Re

“Ero con mia sorella e tre amici davanti al ristorante, non eravamo seduti, eravamo lì davanti nella strada, ci stavamo spostando per andare in un altro posto. In questo ristorante non c’è la coda. Le persone lasciano il numero di cellulare, aspettano e intanto vanno a bere qualcosa al “Café Carillon”, il locale che si trova a dieci metri da lì e poi quando ricevono la telefonata tornano indietro. Di solito funziona così. Quella sera ci avevano detto che c’era almeno un’ora e mezza d’attesa così avevamo scelto di andar via e cambiare posto». Solo che quando si sono girati di 180 gradi e hanno dato le spalle al locale se lo sono trovati davanti. L’attentatore. Con in mano il kalashnikov. Quell’uomo ha guardato Aristide dritto negli occhi prima di fare fuoco. Dieci secondi interminabili che a fatica usciranno dalla memoria dello sportivo. Poi i colpi. Uno gli ha perforato un polmone, e mentre cadeva a terra l’attentatore ha sparato ancora. Una raffica di Kalashnikov che l’ha colpito alla gamba e alla caviglia. Tant’è che Aristide è stato operato e dovrà fare altre operazioni prima di rientrare in campo. Per ora si muove ancora con le stampelle.

 

Così il Corriere Veneto ha raccolto la testimonianza di quel terribile venerdì 13 novembre che ha colpito Parigi e rischiato di spazzare via anche la vita di Aristide Barraud, il giocatore del Mogliano protagonista suo malgrado degli attacchi terroristici che un paio di mesi fa hanno colpito la capitale francese.
Lui dà appuntamento a tutti per la prossima stagione, garantendo che per allora sarà al 100%: “stare fermo per me è difficilissimo. Mi mancano il campo, gli allenamenti. Però prendo tutta questa voglia questa frustrazione le tengo dentro di me per il momento giusto”.
Infine l’amore della sua città , rimasto incondizionato, nonostante tutto: “Parigi rimane la mia città, che amo come si ama una persona, con tutte le sue caratteristiche, quelle belle e quelle brutte. Con i suoi umori e le sue contraddizioni. Questo evento terribile non ha cambiato questo amore, direi che l’ha rinforzato. Non vedo l’ora di poter tornare a Parigi, libero, senza stampelle”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Rovigo, Davide Giazzon verso il ruolo di capo allenatore

L'attuale allenatore degli avanti dovrebbe essere affiancato da Joe van Niekerk e Stefan Basson

18 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite
item-thumbnail

Serie A Elite: appuntamento per costituire la lega dei club

Si chiamerà Lega Rugby e dovrebbe diventare realtà il prossimo 27 maggio

18 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite
item-thumbnail

Serie A Elite, Rovigo: tanti cambiamenti in vista della prossima stagione

Per i "Bersaglieri" si prevede un'annata all'insegna delle novità

17 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite
item-thumbnail

Il ds di Rovigo Polla Roux sul futuro head coach: “Opteremo per una scelta interna”

Il dirigente dei rossoblu conferma l'uscita di Alessandro Lodi verso le Zebre

15 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite
item-thumbnail

Serie A Elite: le strade di Colorno e Umberto Casellato si separano

Con l'head coach saluta anche l'assistente allenatore Filippo Frati

14 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite