L’Italia vista dagli altri: Morisi e Campagnaro, ma anche il solito problema aperture

L’autorevole Rugby World analizza il Mondiale che aspetta la Banda Brunel. E i due centri sono i giocatori da tenere d’occhio…

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

La rivista Rugby World ha dedicato il numero di settembre esclusivamente ai Mondiali inglesi. Ognuna delle squadre partecipanti è stata analizzata, mettendo in evidenza punti di debolezza, giocatori da tenere occhio e altro ancora, dando poi per ognuna un verdetto sul risultato finale. Ecco cosa vi è scritto a proposito degli Azzurri.
Partiamo con gli aspetti più negativi e che potrebbero rappresentare dei problemi. Tra le Problem Area è indicato innanzitutto il non aver trovato alla fine dell’era Dominguez delle scelte di qualità che dessero continuità alla struttura di gioco degli Azzurri, un dieci cioè attorno a cui far girare la squadra per più stagioni. Inoltre, si legge che potrebbe esservi una sorta di “lack of harmony” per la disputa tra Federazione e giocatori, anche se è difficile capire come ciò possa influenzare l’ “armonia” di squadra. Anzi, al più potrebbe aver paradossalmente cementato i rapporti interni come è in parte naturale che sia dopo una battaglia portata avanti come un fronte comune. “Questo è un team che a bisogno che tutto sia a posto per fare bene”, conclude il paragrafo.
Veniamo ai giocatori da tenere d’occhio, entrambi giovani ed entrambi centri. Luca Morisi, di cui probabilmente gli inglesi (ma non solo) ricordano le due splendide mete segnate a Twickenham, si guadagna la nomina a Key Man . L’ex compagno di squadra alla Benetton ora neo Chiefs Michele Campagnaro è invece il giocatore One To Watch: “un grande acquisto per Exeter che dimostrerà al suo primo Mondiale le qualità”. Parlando dei reparti, infine, si legge che la mischia azzurra può tenere testa a chiunque, ma molto ci si aspetta anche dai giovani trequarti.

Infine, il verdetto decisamente severo firmato Stuart Barnes, ex giocatore della nazionale inglese e ora commentatore: “L’Italia è in una posizione simile alla Romania, ma gioca ad un livello superiore. Hanno dimostrato di poter battere Irlanda e Francia nella partita secca, e Parisse è in grande forma”. La prediction è però del terzo posto.
Capitolo Brunel, che come tutti gli allenatori è definito con alcuni attributi: “paziente e stimato“.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Chi è Ange Capuozzo, la nuova stella dell’Italrugby

Da dove viene il giocatore che ha fatto impazzire i tifosi azzurri

2 Febbraio 2023 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse: “Garbisi, Capuozzo, Lamaro, che bella Italia! Dopo il ritiro voglio allenare”

L'ex capitano azzurro ha raccontato i suoi obiettivi per il futuro e le sue impressioni su questa nuova Nazionale

2 Febbraio 2023 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ange Capuozzo: “Studio italiano tutte le settimane. Gli obiettivi? Noi giochiamo sempre per vincere”

L'estremo azzurro: "Italia-Francia non è una partita come le altre per me. È molto importante dal punto di vista personale"

2 Febbraio 2023 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023, Nicotera: “Crowley ci sta dando la mentalità giusta. Le capocciate? Ci sono sempre”

Il tallonatore azzurro in conferenza stampa: "La concorrenza? Luca Bigi è un riferimento, magari arrivassi a 42 presenze come lui"

1 Febbraio 2023 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Kieran Crowley invita un mediano d’apertura al raduno azzurro

Prosegue la preparazione verso la sfida alla Francia

1 Febbraio 2023 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Fusco: “Voglio ritagliarmi uno spazio sempre più importante”

Il mediano di mischia davanti ai microfoni in vista della prima gara del Sei Nazioni 2023 con la Francia

31 Gennaio 2023 Rugby Azzurro / La Nazionale