Papé, squalifica di 10 settimane. E dice: “Dopo la RWC basta nazionale”

Quello in corso sarà il suo ultimo Sei Nazioni con la maglia dei galletti. Ed è già terminato per una ginocchiata

ph. Jacky Naegelen/Action Images

ph. Jacky Naegelen/Action Images

Costa parecchio la ginocchiata rifilata a Jamie Heaslip durante la partita Irlanda-Francia: Pascal Papé è stato infatti squalificato per 10 settimane dalla Commissione Disciplinare del Sei Nazioni. Un gesto che secondo il panel di giudici avrebbe meritato il cartellino rosso e non il semplice giallo ricevuto in campo. Il ct Philippe Saint-André ha subito convocato al suo posto Sébastien Vahaamahina in vista della partita con il Galles.
Torneo finito per lui, che solo qualche giorno fa aveva rilasciato qusta dichiarazione: “Ho ancora l’obiettivo di partecipare al Mondiale e, se possibile, di vincerlo. Dopo dirò basta alla mia carriera internazionale. Questo è quindi il mio ultimo Sei Nazioni e voglio ottenere il massimo e soprattutto vorrei chiuderlo come ho chiuso il primo”.
Ovvero con un Grande Slam. Correva infatti il 2004 quando Pascal Papé faceva il suo debutto nella competizione più attesa e amata e ora il seconda linea annuncia il suo addio alla nazionale dalle pagine di Midi Olympique: “Con la maglia della Francia non ho certo avuto un percorso lineare. Lo definirei originale, con alti e bassi, ma per questa suadra sono pronto a morire”.
Gli alti? Essere stato capitano dei galletti, il Mondiale 2011 nonostante la finale persa contro gli All Blacks e il clamoroso ko con Tonga. I bassi invece portano al 2007, quando a giugno viene portato in Nuova Zelanda dal ct Bernard Laporte, proprio con i gradi di capitano e che poi non lo porterà alla RWC di quello stesso anno, giocata in Francia.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Nominato il nuovo amministratore delegato del Sei Nazioni, succederà a Ben Morel da aprile

Si tratta di Tom Harrison, ex capo dell'England and Wales Cricket Board (ECB) ed ex dirigente di IMG Media e ESPN STAR Sports

27 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Andy Farrell alla guida dei Lions nel 2025: la IRFU dice sì

In caso di chiamata, la Federazione Irlandese sosterrà il suo allenatore a capo della selezione britannica

26 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

Il Sei Nazioni chiude la porta al Sudafrica: “Nessuna espansione in questo momento”

Il CEO di Six Nations, Ben Morel, ha messo le cose in chiaro

25 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: Inghilterra, problemi di infortuni. Ben 4 cambi rispetto ai primi convocati

Il ct Steve Borthwick deve gestire un'infermeria già molto piena

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles: Gatland vuole riconsiderare la regola dei 60 cap

L'allenatore del Galles stringe i tempi per discutere la regola sul numero di presenze necessarie a un giocatore che milita all’estero per essere conv...

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

Il tecnico del Galles ha risposto alle nostre domande in conferenza stampa

23 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni