Sei Nazioni e non solo: il Millennium è lo stadio più rumoroso

La Press Association ha commissionato uno studio scientifico: vince Cardiff, quinta Roma, ultima Parigi

 

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Qual è lo stadio più rumoroso? Possono essere diversi i fattori che possono influire sulla percezione e perciò non c’è nulla di meglio di prove e criteri scientifici per stabilirlo. E la Press Association lo ha fatto, ha cioè commissionato uno studio con parametri ben stabiliti che ha rilevato che è il Millennium Stadium di Cardiff il primo in questa speciale classifica: durante gli inni nazionali di Galles-Inghilterra, partita che ha aperto il Sei Nazioni 2015 è stata registrata una media di 92 decibel, con un picco di 100 db subito dopo la meta di Rhys Webb. L’Italia? Lo stadio Olimpico è quinto (stiamo parlando di Italia-Irlanda del 7 febbraio) per quanto riguarda le gara registrate in queste due prime giornate con una media di 86,1 db e un dato più alto di ben 92,8 db toccati con la meta annullata a Sergio Parisse.

 

Secondo posto per l’Aviva Stadium in occasione di Irlanda-Francia: media di 89 db e picco di 101 al fischio finale. Terzo Twickenham per Inghilterra-Italia: media di 88.4 db e picco di 91 db agli inni nazionali. Quindi Murrayfield (88 db di media e 96 db alla meta di Stuart Hogg in Scozia-Galles), quindi l’Olimpico e si chiude con lo Stade de France al sesto posto in occasione di Francia-Scozia con 85.1 db di media e pico di 90.2 db all’ultimo calcio di Lopez).
Qualche curiosità: il momento più rumoroso registrato sono i 101 db del fischio dell’arbitro che ha chiuso Francia-Irlanda, Aviva e Millennium sono i soli stadi in cui è stata toccata o superata la soglia dei 100 db.
Il record in Premiership è però ben più alto: a novembre i tifosi dei Falcons di Newcastle hanno toccato i 118.5 db ma i record spettano alla NFL, il football professionistico americano, e al calcio turco: i tifosi dei Seattle Seahawks hanno toccato i 137.6 db, quelli del Galatasaray si sono fermati a 131 db registrati durante u derby con il Fenerbahce. I

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023, Inghilterra: la lista dei convocati per la sfida alla Scozia

Il ct Borthwick deve fare i conti con alcune defezioni e tentavi di recuperi lampo

30 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: la Francia recupera un elemento importante in vista dell’Italia

Galthié recupera il castigatore seriale degli azzurri, con 4 mete in 2 partite

30 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Nominato il nuovo amministratore delegato del Sei Nazioni, succederà a Ben Morel da aprile

Si tratta di Tom Harrison, ex capo dell'England and Wales Cricket Board (ECB) ed ex dirigente di IMG Media e ESPN STAR Sports

27 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Andy Farrell alla guida dei Lions nel 2025: la IRFU dice sì

In caso di chiamata, la Federazione Irlandese sosterrà il suo allenatore a capo della selezione britannica

26 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

Il Sei Nazioni chiude la porta al Sudafrica: “Nessuna espansione in questo momento”

Il CEO di Six Nations, Ben Morel, ha messo le cose in chiaro

25 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: Inghilterra, problemi di infortuni. Ben 4 cambi rispetto ai primi convocati

Il ct Steve Borthwick deve gestire un'infermeria già molto piena

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni