Kaine Robertson ai giovani kiwi: fate esperienza all’estero

L’ex trequarti azzurro a 360 gradi ripercorre la carriera e guarda al futuro. E a proposito di una famosa Haka del 2007…

ph. Fotosportit/FIR

ph. Fotosportit/FIR

In Italia è arrivato a ventun’anni, divenendo una bandiera del Viadana e arrivando a collezionare 47 caps con l’Italia. E ora, intervistato dall’autorevole portale neozelandese stuff.co.nz, dà un consiglio a tutti i giovani giocatori kiwi. Queste le parole di Kaine Robertson, rivolte soprattutto ai giovani connazionali che in patria trovano poco spazio nelle squadre di più alto livello. “Tana Umaga andò a Viadana [nel 1994] e poi tornò in Nuova Zelanda e divenne un All Blacks. Potrebbe essere una bella idea per un giovane quella di fare esperienza all’estero, e farsi un’idea di cosa sia il rugby pro prima di conoscerlo in patria“. Il punto, per Robertson, è che molti sono partiti a carriera già avanzata e in questo modo gli All Blacks hanno perso del potenziale: “Molti che non ce la fanno [ad indossare la black jersey] se ne vanno al Nord e ci restano, mentre potrebbero avere chance di entrare nella nazionale, se tornassero”.

 

Robertson ripercorre poi il suo arrivo in Italia, su indicazione niente meno che di Sir Graham Henry, a cui furono chiesti due giocatori da mandare a Viadana: ne mandò tre, Matthew Phillips, Sonny Parker, il figlio Andrew Henry e il suo miglior amico, Kaine Robertson. Che nella nazionale azzurra, prima Seven poi maggiore, ritroverà i connazionali Matthew Phillips, Rima Wakarua, Aaron Persico e Paul Griffen. Infine, Robertson torna sulla famosa Haka non fronteggiata nel 2007: “Penso che sia stato un un errore. La mettemmo ai voti, e si perse di poco. In campo ne pagammo le meritate conseguenze”. Per il futuro un’idea stuzzicante: mettersi in forma e guadagnarsi la chiamata per giocare con Counties Manukau in ITM.

 

Il video della Haka “ignorata” alla RWC 2007.

https://www.youtube.com/watch?v=aaas9EcOJLA

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: Glasgow Warriors campioni! Impresa a Pretoria, Bulls battuti 16-21

Gli scozzesi sbancano il Loftus Versfeld conquistando il secondo titolo della loro storia

22 Giugno 2024 United Rugby Championship
item-thumbnail

URC: la preview della finale Bulls-Glasgow Warriors

A Pretoria i sudafricani cercano il primo successo davanti a 50000 spettatori, gli scozzesi per sorprendere ancora

item-thumbnail

Test Match: a Twickenham il Sudafrica supera il Galles 41-13

Cinque mete per i campioni del mondo in carica che travolgono i dragoni nel secondo tempo

item-thumbnail

Test Match: gli highligts di Giappone-Inghilterra 17-52

Le immagini delle 10 mete della sfida tra Brave Blossom e XV della Rosa

22 Giugno 2024 Foto e video
item-thumbnail

L’Inghilterra maltratta il Giappone di Eddie Jones

Gli uomini di Borthwick segnano otto mete e si impongono con un netto 17-52

item-thumbnail

Italia, gli obiettivi di Gonzalo Quesada per le Summer Series: “Aumentare la profondità del gruppo e sviluppare la nostra identità di squadra”

Il CT degli Azzurri ha spiegato i criteri di selezione utilizzati nella convocazione dei 33 giocatori impegnati a preparare il tour estivo

22 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale