Post Leinster-Wasps: le parole di Festuccia e Cittadini

Direttamente da Dublino, ecco cosa hanno detto i due azzurri del match contro gli irlandesi

ph. Adam Holt/Action Images

DUBLINO – Lorenzo Cittadini e Carlo Festuccia spiegano insieme al tecnico Young la delusione giallonera per il ko all’RDS.

Il coach dei londinesi Dai Young, primo a parlare: “Siamo delusi, ovviamente. Costruire un vantaggio così importante su questo campo e poi perdere lascia l’amaro in bocca, però dobbiamo ricordare che questa è una delle squadre più forti d’Europa e ha vinto tre Heineken cup, cosa che non succede peer caso, vincere qua è difficilissimo”. Secondo il coach degli inglesi gli Wasps avevano avuto la possibilità di segnare per primi all’inizio del secondo tempo. “Nei primi 10, 15 minuti della ripresa abbiamo messo pressione ma non siamo riusciti a segnare. Se lo avessimo fatto sarebbero cambiate molte cose. Invece loro hanno preso coraggio perché hanno sentito di aver scampato il pericolo e sono tornati sotto dominando poi a lungo il secondo tempo, soprattutto avendo il possesso palla molto più di noi. La partita si è decisa lì”

Poco lontano Carlo Festuccia e Lorenzo Cittadini analizzano la partita in modo molto simile. Alla domanda, quando è che la partita si è decisa, si mettono a ridere guardandosi. “Qualche errore individuale è stato decisivo – dice Cittadini – anche loro ne hanno fatti nel primo tempo, ma i nostri nel secondo sono stati decisivi. Un punto di bonus in trasferta è importante ma è vero, alla fine questi sono tre punti persi”.

Da queste parti non sono abituati a essere 12 punti sotto in casa. Festuccia sorride e torna sugli errori: “In questa manifestazione ogni errore costa dei punti . Possono essere tre o cinque, ma qualcosa si paga. Nel secondo tempo loro hanno spinto molto e alla fine abbiamo commesso un paio di errori che ci sono costati la partita.È stato un momento, come dimostra il fatto che dopo che ci hanno sorpassato non sono riusciti a segnare la quarta meta”.
Il coach di Leinster Matt O’Connor è contento, anche se non dimentica gli errori del primo tempo. “Loro sono partiti bene. Sono una squadra molto cinica, quando hanno delle occasioni le sfruttano e così hanno fatto. Siamo stati bravi a non disunirci mentalmente e nel secondo tempo abbiamo controllato la gara per lunghi tratti [nel secondo tempo 65% di possesso per Leinster, ndr]”.

Il coach di Leinster ha buone notizie anche in vista della trasferta francese della prossima settimana. Rob Kearney, oggi in tribuna insieme alla stella del golf irlandese Rory McIlroy, dovrebbe essere in campo. Visto l’inizio di stagione, una vera buona notizia per il tecnico.
di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

16 anni fa, “la mano di Rob Howley” per quella leggendaria meta nella finale di Heineken Cup

Uno dei momenti più incredibili nella storia della massima competizione europea

23 Maggio 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Rivoluzione in vista per la Champions Cup?

Aumenterebbero le squadre in corsa e sarebbe stravolta la formula. Per ora arrivano segnali positivi

15 Maggio 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: come funzionerà la prossima edizione?

Mentre i club di Top 14 decidono le norme per la qualificazione, la coppa regina potrebbe cambiare format

6 Maggio 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Undici anni fa il Bloodgate, uno degli scandali più clamorosi nella storia di Ovalia

Una delle pagine più buie, in tempi recenti, dello sport ovale

12 Aprile 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Coppe europee: rimandate anche semifinali e finali

Sarebbero andate in scena il primo ed il quarto weekend di maggio

24 Marzo 2020 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Saracens, abbiamo un problema (ma non è il monte salari)

L'EPCR ha convocato un'udienza disciplinare a causa di un permesso di lavoro nel Regno Unito scaduto ad un giocatore degli inglesi

7 Febbraio 2020 Coppe Europee / Champions Cup