Guinness Pro12: Leinster fatica con Cardiff, Glasgow stoppa Connacht

I campioni in carica trovano più difficoltà di quanto non dica il risultato finale. Edimburgo e Scarlets pareggiano

ph. Henry Browne/Action Images

DUBLINO Fra una settimana all’Aviva Stadium arriva Munster e la testa di Leinster è già a quella partita. Solo così si può spiegare la pessima prestazione dei padroni di casa, che rischiano grosso contro i Cardiff Blues, piegati con un 37-23 che più bugiardo non potrebbe essere.

Visto il buon inizio di stagione di Madigan come esterno centro, coach O’Connor lo conferma in quel ruolo al n.12 e affida la maglia più pesante d’Europa a Gordon D’Arcy, lasciando Gopperth mediano d’apertura. Si inizia al piccolo trotto ma con Leinster che mantiene la superiorità. Madigan inizia con un incoraggiante 2/3 al piede (l’errore da oltre 40 metri). Cardiffi reagisce e conquista due punizioni in un minuto, Patchell ne trasforma una sola e dopo il primo quarto di gioco il punteggio è 6-3 per gli irlandesi. Cardiff approfitta dei molti errori dei padroni di casa e pareggia al 20, quando Patchell pareggia il 2/3 al piede di Madigan.

Al 35’ paura per una testata reciproca fra i due numeri 12. Ha la peggio il gallese Hewitt, costretto a uscire in barella.

Leinster riordina le idee e fa vedere alcuni minuti di rugby decente: veloce combinazione sulla destra e Rueddock schiaccia nell’angolo. Madigan trasforma il 13-6. Il primo tempo sembra finito, ma Cardiff ci crede, sfiora la meta e conquista una punizione che Patchell manda fra i pali. A metà gara Cardiff è ancora a contatto.

All’inizio della ripresa Cardiff si fa minacciosa, poi al 45’ si accende la scintilla per Leinster: combinazione in velocità D’Arcy-Madigan, ovale al neoentrato Mick McGrath che rompe un placcaggio e va a schiacciare a sinistra. Madigan trasforma il 20-9.

Da quel momento la gara è in discesa, D’Arcy schiaccia fra i pali un bel servizio di Gopperth al 52’.

Leinster a quel punto pensa di aver vinto e molla, e Cardiff segna due mete in tre minuti. La prima per una papera di Madigan che si tuffa a premdere palla sui propri due metri ma la perde, Allen ringrazia e schiaccia. Poco dopo Warburton approfitta di una difesa a maglie larghissime e segna ancora. A 13 minuti dalla fine è 27-23 per i padroni di casa.

A quel punto Leinster si rimette a giocare e trova una punizione con Madigan che rimanda i Blues a distanza di una meta. C’è ancora tempo per un attacco di Cardiff che sfiora il clamoroso pareggio (fermati a 5 metri dalla meta) e per la quarta meta di Leinster, segnata da Luke McGrath nel recupero, che dà il punto di bonus ai padroni di casa.

Leinster: 15 Rob Kearney, 14 Fergus McFadden, 13 Gordon D’Arcy, 12 Ian Madigan, 11 Darragh Fanning, 10 Jimmy Gopperth, 9 Eoin Reddan, 8 Jamie Heaslip (cap), 7 Dominic Ryan, 6 Rhys Ruddock, 5 Kane Douglas, 4 Devin Toner, 3 Marty Moore, 2 Sean Cronin, 1 Michael Bent.Sostituti: 16 Bryan Byrne 17 Ed Byrne, 18 Tadhg Furlong, 19 Mike McCarthy, 20 Jack Conan, 21 Luke McGrath, 22 Steve Crosbie, 23 Mick McGrath.

Mete: 38’ Ruddock, 47’ Mick McGrath, 52’ D’Arcy, 80’ Luke McGrath,

Trasformazioni: 39’, 48’ 53’ 80’ Madigan

Punizioni: 5’, 9’, 73’ Madigan,

Cardiff Blues: 15 Rhys Patchell, 14 Alex Cuthbert, 13 Cory Allen, 12 Dafydd Hewitt, 11 George Watkins, 10 Gareth Davies, 9 Lewis Jones, 8 Josh Navidi (cap), 7 Sam Warburton, 6 Josh Turnbull, 5 Chris Dicomidis, 4 Jarrad Hoeata, 3 Adam Jones, 2 Kristian Dacey, 1 Gethin Jenkins. Sostituti: 16 Matthew Rees, 17 Sam Hobbs, 18 Taufa’ao Filise, 19 Macauley Cook, 20 Manoa Vosawai, 21 Tavis Knoyle, 22 Adam Thomas, 23 Dan Fish.

Mete: 62’ Cory Allen, 66’ Warburton

Trasformazioni: 64’ 67’ Patchell

Punizioni: 19’, 30’ 40’ Patchell,

Arbitro: Ian Davies (WRU). Assistenti: Mark Patton, Will O’Connor (both IRFU). TMO: John Carvill (IRFU)

 

Ma questo era un venerdì decisamente ricco per il torneo celtico, con altre due partite.
Glasgow ferma la corsa del Connacht con un 39 a 21 frutto di cinque mete scozzesi e tre irlandesi. Edimburgo-Scarlets è finita invece 20 a 20, con i padroni di casa che agguantano il pareggio al 72′ grazie a una meta di Burleigh.
Sabato sono invece in programma due partite, quella tra Zebre e Ulster a Parma e quindi – in serata – il big match tra Munster e Ospreys (Tito Tebaldi, ancora una volta, è stato aggregato ai Bridgend Ravens che giocano contro Pontypridd). Chiude il turno Newport-Benetton Treviso domenica alle 17 ora italiana.

 

di Damiano Vezzosi

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: il prossimo mediano di apertura dei Glasgow Warriors è un cavallo di ritorno

La squadra scozzese pesca in Premiership per rinforzare la batteria dei numeri 10

item-thumbnail

Lo strano caso di Antoine Frisch

Il centro del Munster, eleggibile per Irlanda e Francia, sembra aver cambiato idea sui propri destini internazionali

item-thumbnail

URC: tornano i nazionali, Leinster a valanga sui Bulls 47-14

Gli ospiti chiudono in vantaggio il primo tempo 14-12. Nella ripresa Leinster dilaga con tutti i nazionali in campo

item-thumbnail

URC, la formazione di Connacht che sfida Benetton al Monigo

Pete Wilkins opera ben 7 cambi rispetto alla formazione scesa in campo la scorsa settimana

item-thumbnail

URC: la formazione dei Dragons che ospita le Zebre

I gallesi vengono da un buon match contro i Bulls e vogliono lasciare l'ultima posizione in classifica

item-thumbnail

URC: Munster e Glasgow vincono gli anticipi del venerdì sera

Battute Cardiff e Ospreys, entrambe sono nelle prime quattro posizioni in classifica