IRB Tbilisi Cup: l’Italia Emergenti si sbarazza della Spagna (37-0)

Un quarto d’ora per prendere le misure e poi la gara si mette in discesa per gli azzurri allenati da Cavinato e Goosen

ph. Sebastiano Pessina

Nessun problema all’Avchala Stadium della capitale georgiana dove i ragazzi allenati da Andrea Cavinato e Marius Goosen ci mettono 15 minuti per prendere le misure agli spagnoli che poi superano di slancio senza patemi: 22 a 0 al termine del primo tempo grazie alle mete di Gerosa, Visentin e Castello. al fischio finale il tabellone dice 37 a 0. Una vittoria che serve a rialzarsi dopo il ko con i Jaguars dello scorso fine settimana.
Nel primo pomeriggio proprio gli argentini hanno avuto la meglio sui padroni di casa (16-26). Prossimo appuntamento per gli azzurri domenica 22 contro la Georgia.
Cronaca e tabellino a cura dell’ufficio stampa FIR:

 

Nella seconda giornata del IRB Tblisi Cup 2014 giocata all’Avtchala Rugby Stadium della capitale georgiana è arrivata la prima vittoria per la Nazionale Emergenti dell’Italia che ha battuto la Spagna per 37-0 in un match dominato dagli azzurri. Per la seconda selezione italiana dell’head coach Andrea Cavinato, dopo la sconfitta di sabato scorso nell’esordio contro i Jaguares argentini per 45-20, è arrivato un netto successo contro i Leones iberici, ventunesimi nel ranking mondiale e sconfitti di misura 23-13 sabato nella gara che ha aperto la manifestazione contro i più quotati georgiani. Castello e compagni hanno messo in mostra una ottima gara su tutti i punti di vista: intensità, determinazione, aspetti tecnici e anche tenuta fisica nel caldo della serata georgiana: tutti aspetti che danno ottime aspettative all’Emergenti per l’ultimo impegno stagionale sabato prossimo contro i più quotati georgiani. La Spagna -quarta nell’edizione 2014 della Nations Cup dietro a Georgia, Romania e Russia- continua la sua lunga striscia negativa che non le ha permesso di qualificarsi al prossimo mondiale 2015 in Inghilterra, manifestazione da cui manca dal 1999 in Galles.

Tbilisi (Georgia), Avtchala Rugby Stadium

18 Giugno 2014 – IRB Tbilisi Cup 2014, turno 2

Italia Emergenti Vs Spagna 37-0 (p.t. 22-0)

Marcatori: 15‘ cp Padovani (3-0); 20‘ m Gerosa tr Padovani (10-0); 26‘ m Visentin (15-0); 39‘ m Castello tr Padovani (22-0); s.t. 11‘ m Andreotti (27-0); 23‘ cp Violi (30-0); 36‘ m Canna tr Ambrosini (37-0);

Italia Emergenti: Odiete, Ragusi, Boni, Castello (26’ s.t. Bisegni), Visentin, Padovani (4’ s.t. Canna), Violi (25’ s.t. Ambrosini); Ferro (7’ s.t. Sarto), Caffini (25’ s.t. Belardo), Mbanda, Andreotti, Gerosa (31’ s.t. Caffini), Biancotti, Gega (25’ s.t. Scalvi, 26’ s.t. Gega, 31’ s.t. Scalvi), Lovotti (4’ s.t. Scarsini) All.Cavinato

Spagna: Carriòn (16’ s.t. Diaz), Gutierrez, Fontes, Snee, Fernandez, Garcia (24’ s.t. Cloppet), Feijoo (cap) (33’ s.t. Munilla); De Juan, Newton, Mora, Molina, Blanco A., Moreno (38’ Asensi), Anaya, Sanz (19’ s.t. Ortiz) (Non entrati: Blanco F., Del Valle) All. Santos

Arbitro: Andrew McMenemy (Scottish Rugby Union)

Assistenti: Shota Tevzadze e Tornike Gvirjishvili (Georgia Rugby Union)

Calciatori: Padovani (Italia Emergenti) 3/4; Violi (Italia Emergenti) 1/2; Ambrosini (Italia Emergenti) 1/1; Snee (Spagna) 0/1

Cartellini: 8’ s.t. giallo a Mora (Spagna)

Note: Pomeriggio soleggiato, temperatura 32°, terreno sintetico. Spettatori 500.

Commento: Il grande caldo georgiano non ferma l’Emergenti che parte forte nei primi minuti con una lunga azione multifase che però non trova punti. Dopo un’azione d’attacco spagnola non efficace è l’indisciplina iberica a fruttare territorio agli azzurri che vanno in meta due volte. E’ la maul italiana a scardinare la difesa spagnola dopo i primi tre punti al piede di Padovani. Bene anche la mischia dell’Emergenti nel primo tempo che conquista importanti penalità che mettono forte pressione sulla difesa avversaria che capitola al ventiseiesimo con Visentin a segnare sulla bandierina sempre dopo una touche ben giocata in attacco. Anche i trequarti di coach Cavinato si rendono protagonisti nell’ultima azione del primo tempo con la bella giocata in velocità della coppia di centri Boni-Castello che porta alla terza meta azzurra del capitano. Non cambia il copione nella ripresa: indisciplina iberica –che frutta anche un giallo alla terza linea Mora- che non aiuta la voglia di riscatto del XV di Santos capace di impensierire la Georgia nel primo turno. L’Italia, sfruttando anche le forze fresche subentrate dalla panchina, mette a segno altre due mete con Andreotti –uno dei migliori in campo- e Canna nel finale che fissa la larga vittoria 37-0. Buona prova della seconda selezione azzurra che dimostra di aver digerito la sconfitta contro i Jaguares dell’esordio mettendo in campo delle fasi statiche performanti, una difesa determinata ed anche buone soluzioni offensive. In vista dell’impegno più probante contro i padroni di casa di sabato prossimo, una gara positiva questo pomeriggio che lascia ben sperare per la chiusura della IRB Tblisi Cup 2014.

Cronaca: Parte bene l’Italia che mette pressione agli iberici nei primi 5 minuti nei propri 22: dopo un fallo calciato in touche ed una decina di pick & go l’ovale è recuperato dalla Spagna. Stesso dicasi al 7° nel secondo assalto di Castello e compagni. Controlla ritmo e gara l’Emergenti che però viene sanzionata in mischia dal fischietto scozzese McMenemy all’11°: dopo la rimessa entrano nei 22 gli spagnoli ma non riescono ad essere pericolosi. Cresce l’indisciplina degli uomini in maglia rossa che frutta prima il piazzato dai 22 metri del vantaggio azzurro poi un fallo in ruck sulla metà campo. Andreotti cattura il lancio di Gega e guida il drive avanzante che porta in meta Gerosa. Potrebbero accorciare i Leones col piazzato di Snee al 22° ma la pedata va larga a destra dell’H georgiana. Al 24° fallo contro la prima linea del XV di Santos e risale così la formazione diretta da coach Cavinato. Questa volta la maul viene portata a terra ai 5 metri ma l’ovale è gestito in modo veloce dal mediano Violi: i rapidi passaggi portano in meta Visentin sulla bandierina sinistra. E’ la Spagna a provare a reagire negli ultimi minuti della prima frazione con un paio di rimesse in attacco ma è ancora ottima la difesa italiana che non si scompone e recupera l’ovale. Da una rimessa sulla metà campo nasce la terza pregevole segnatura con i trequarti della seconda selezione italiana protagonisti: è il centro Boni a bucare la linea spagnola, strappare 20 metri prima di servire capitan Castello per la bella meta che chiude i primi 40 minuti.

La ripresa si apre ancora con l’indisciplina della difesa in maglia rossa; dopo una touche ai 5 metri questa volta è brava la difesa degli iberici a riconquistare l’ovale e risalire con buona velocità e ricicli prima del tenuto fischiato da McMenemy. L’Italia, sempre determinata, continua ad affrontare la linea difensiva spagnola con intensità e velocità: da una ruck  l’ovale è calciato in avanti da Andreotti che per poco non sorprende l’estremo che annulla. Riesce invece a segnare la seconda linea poco dopo al termine di una lunga azione di raccogli e e vai degli avanti azzurri, in superiorità numerica per il giallo a Mora. Al 54° la Spagna ha una reazione d’orgoglio e mette alla corda la difesa italiana che però riesce a tenere e costringere all’in avanti gli avversari. Ancora il centro Boni protagonista al 60° con un’altra azione da ball carrier che si chiude nella metà campo spagnola con un fuorigioco contro i Leones: è sempre la rimessa l’arma in più dell’Italia Emergenti che mette in difficoltà gli avanti spagnoli che indietreggiano fino a concedere il fallo in ruck che vale tre punti per il nocetano Violi. Molti i cambi in entrambi gli schieramenti a metà ripresa in una gara ormai chiusa che vede la Spagna cercare di proporre soluzioni offensive senza esito in termini di punti. Segna invece ancora l’Italia con una splendida azione alla mano partita dalla propria metà campo: le ottime mani ed i pregevoli sostegni di Visentin e Mbandà portano la linea del vantaggio nei 22 iberici prima che il nuovo entrato Canna trovi la meta trasformata in mezzo ai pali che fissa il finale 37-0.

I risultati e la classifica della manifestazione:

Sabato 14 Giugno 2014

Georgia Vs Spagna 23-13 (4-0)

Italia Emergenti Vs Argentina Jaguares 20-45 (0-5)

Mercoledì 18 Giugno 2014

Georgia Vs Argentina Jaguares 16-26 (0-4)

Italia Emergenti Vs Spagna 37-0 (5-0)

Sabato 21 Giugno 2014

Georgia Vs Italia Emergenti ore 15 italiane

Spagna Vs Argentina Jaguares ore 17 italiane

Classifica:

9 Argentina Jaguares

5 Italia Emergenti

4 Georgia

0 Spagna

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia Under 20, intervista a coach Roselli: “In contatto con i ragazzi, ma ci sentiamo svuotati”

"L'8 aprile si deciderà sul Mondiale U20", poi il tecnico degli azzurrini ci parla di recente passato, presente e del suo futuro

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: Italia, i convocati per il raduno di Roma

Fabio Roselli ha selezionato 25 atleti per l'appuntamento in programma dal 2 marzo

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: Italia, sconfitta amara contro la Scozia

Troppa indisciplina per gli azzurri, che restano a lungo davanti, ma vengono superati nel finale (29-30)

item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: battere la Scozia, la missione possibile degli Azzurrini

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità, diceva quello. Kick-off ore 19:00 al Mirabello per un match da vincere. Diretta streaming anche su On...

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: diretta streaming Italia-Scozia Under 20

Azzurrini in campo alle 19 a Reggio Emilia: segui in diretta streaming Italia-Scozia Under 20

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: Italia-Scozia, la formazione azzurra

Le scelte di Fabio Roselli per la terza sfida del torneo di categoria