Road to Six Nations 2014, gli avversari nel mirino /2: il Galles

Dopo la Francia passiamo ai raggi x il Galles, primo avversario degli Azzurri e, nonostante tutto, favorito per la vittoria finale

ph. Sebastiano Pessina

C’è stato il tour dei Lions, che per loro è stato più logorante per la numerosa presenza di dragoni nella selezione. C’è la statistica secondo cui l’anno dopo il tour dei rossi il torneo è spesso cosa della Francia e c’e l’altra secondo cui nessuno ha mai vinto tre volte di fila. C’è una situazione interna difficilissima, ci sono numerosi top player in possibile partenza, e c’è che con ogni probabilità nessuna squadra gallese passerà il girone di Heineken. Dall’altra parte, però, ci sono 32 nomi che a leggerli fanno davvero paura: perché diversi sono tra i migliori in Europa (e alcuni nel mondo) nel loro ruolo, perché si conoscono molto bene, perché hanno dimostrato di saper vincere, perché hanno un modo di giocare più collaudato delle altre cinque, e last but not least perché sono allenati da Warren Gatland. Nella lista che abbiamo letto da qualche giorno ci sono anche infortunati (come Sam Warburton, Jonatahn Davies e Gethin Jenkins) e giocatori che hanno saltato i test di novembre (Jamie Roberts), ma la parola d’ordine di Gatland, a quanto pare, è stata continuità, con ben 28 giocatori su 32 presenti anche nel blocco dello scorso Sei Nazioni.

 

Per i gallesi a novembre due vittorie con Argentina e Tonga e due sconfitte a testa alta con Australia e Sudafrica. Se ripensiamo proprio al match con gli Springboks, perso 15-24, ci tornerà l’immagine di un Galles fisico e aggressivo, le cui folate in attacco si erano però scontrate contro una difesa ospite superba. Ecco, chi non difenderà sempre al 110% rischia di avere vita dura contro i dragoni. Che sanno segnare e colpire in tanti modi, partendo da lontano, affidandosi al pacchetto, sfruttando col piede di Halfpenny l’indisciplina ospite o impostando il multifase. Due i reparti che probabilmente mettono più timore: la terza linea, che schiera giocatori capaci di legare i due reparti, abili a cercarsi il lavoro sporco ma che non disdegnano il largo; e il triangolo profondo, che con Halfpenny, North, Cuthbert e i due Williams garantisce chili, velocità e capacità di saper colpire nel gioco rotto. Per gli azzurri, che scenderanno nella tana di Cardiff, sarà proprio importante non creare situazioni di gioco rotto, mantenendo la partita entro ritmi e binari “giocabili”. Altrimenti potrebbe essere marea rossa.

Comunque, la squadra di Gatland sembrerebbe un gradino sopra le altre. Un ostacolo da non trascurare sono però le trasferte, contro Irlanda ma soprattutto Inghilterra. E il match di Londra, in programma la quarta giornata, potrebbe risultare quello decisivo.

 

Di Roberto Avesani @robyavesani 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

“Odogwu ha alcune potenzialità da giocatore di classe mondiale”

Ha spiegato Eddie Jones, commentando la sua convocazione nel gruppo inglese per il Sei Nazioni 2021

24 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2021, Francia: Alldritt salta la sfida all’Italia

Il numero 8 è stato rimpiazzato da Cameron Woki, ma venerdì ha giocato con il club, segnando pure una doppietta

23 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2021: i convocati dell’Inghilterra, c’è Odogwu

Tre esordienti tra i 28 convocati di Eddie Jones, che ha nominato anche una squadra ombra per integrare il raduno

22 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Inghilterra, verso il Sei Nazioni 2021: i tormenti di Eddie Jones

La marcia d'avvicinamento al torneo non è delle più semplici per la nazionale britannica e per il suo allenatore

21 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2021 in tv: le partite dell’Italia su DMAX, le altre su MotorTrend

Cambiano canale le sfide del torneo che non coinvolgono gli azzurri

20 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni