Giappone-Galles, USA-Irlanda: inizio e fine del lungo sabato

Alle 7 del mattino si parte dall’estremo oriente, si chiude la notte dopo in Texas

ph. Paul Thomas /Action Images

Alle 7 del mattino italiane, le 14 locali, all’Hanazono Field di Osaka scendono in campo Galles e Giappone in quella che è la prima sfida di un lunghissimo sabato di test-match internazionale.
Da un lato una nazione emergente che nel 2019 ospiterà i Mondiali, dall’altra i Dragoni vincitori del Sei Nazioni ma letteralmente decimati dai British & Irish Lions.

Giappone: 15 Ayumu Goromaru, 14 Yoshikazu Fujita, 13 Male Sau, 12 Craig Wing, 11 Kenki Fukuoka, 10 Harumichi Tatekawa, 9 Fumiaki Tanaka, 8 Takashi Kikutani (c), 7 Michael Broadhurst, 6 Hendrik Tui, 5 Shoji Ito, 4 Hitoshi Ono, 3 Hiroshi Yamashita, 2 Shota Horie, 1 Masataka Mikami.
Riserve: 16 Takeshi Kizu, 17 Yusuke Nagae, 18 Kensuke Hatakeyama, 19 Toshizumi Kitagawa, 20 Ryuta Yasui, 21 Atsushi Hiwasa, 22 Yu Tamura, 23 Hirotoki Onozawa.

Galles: 15 Liam Williams, 14 Harry Robinson, 13 Owen Williams, 12 Jonathan Spratt, 11 Dafydd Howells, 10 Dan Biggar, 9 Lloyd Williams, 8 Rob McCusker, 7 James King, 6 Andrew Coombs, 5 Lou Reed, 4 Bradley Davies (capt), 3 Scott Andrews, 2 Emyr Phillips, 1 Ryan Bevington.
Riserve: 16 Scott Baldwin, 17 Rhys Gill, 18 Rhodri Jones, 19 Andries Pretorius, 20 Dan Baker, 21 Tavis Knoyle, 22 Rhys Patchell, 23 Tom Prydie.

 

Alle 19 e 30 di Houston, quando da noi saranno le 4 passate del mattino di domenica, a chiudere le partite di sabato 8 giugno saranno Stati Uniti e Irlanda. Per il XV in maglia verde vale un po’ il discorso fatto per il Galles rispetto ai Lions, ma in più bisogna aggiungere lo staff tecnico a tempo, visto che il nuovo ct Joe Schmidt entrerà in carica dal primo di luglio. Stati Uniti che vedono invece il ritorno di alcuni loro veterani.

USA: 15 Chris Wyles, 14 Luke Hume, 13 Seamus Kelly, 12 Andrew Suniula, 11 Takudzwa Ngwenya, 10 Toby L’Estrange, 9 Mike Petri, 8 Todd Clever (capt), 7 Scott LaValla, 6 Samu Manoa, 5 Louis Stanfill, 4 Brian Doyle, 3 Eric Fry, 2 Chris Biller, 1 Shawn Pittman.
Replacements: 16 Zach Fenoglio, 17 Nick Wallace, 18 Phil Thiel, 19 Peter Dahl, 20 John Quill, 21 Robbie Shaw, 22 James Paterson, 23 Adam Siddall.

Ireland: 15 Robbie Henshaw, 14 Fergus McFadden, 13 Darren Cave, 12 Stuart Olding, 11 Simon Zebo, 10 Ian Madigan, 9 Isaac Boss, 8 Peter O’Mahony (capt), 7 Chris Henry, 6 Iain Henderson, 5 Devin Toner, 4 Mike McCarthy, 3 Mike Ross, 2 Richardt Strauss, 1 David Kilcoyne.
Replacements: 16 Mike Sherry, 17 Jamie Hagan, 18 Tom Court, 19 Dan Tuohy, 20 Tommy O’Donnell, 21 Paul Marshall, 22 Paddy Jackson, 23 Felix Jones.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Quattro stelle di Tolone per i Barbarians

Inizia a definirsi la squadra per la sfida all'Inghilterra XV del 2 giugno prossimo, in cui ci sarà anche l'esordio delle ragazze

item-thumbnail

E se fosse Warren Gatland il nuovo allenatore della Francia?

Il tecnico neozelandese è ambito da molte squadre fra cui anche i Bleus, che intanto pensano a O'Gara per la RWC

item-thumbnail

British & Irish Lions: la scelta del prossimo tecnico passa del Sei Nazioni, ma attenzione a Hansen

Gatland, Schmidt e Jones sono in lizza. All'orizzonte però ci potrebbe essere un clamoroso accordo col tecnico degli All Blacks

item-thumbnail

Americas Rugby Championship: l’Argentina XV fa en plein

Grande Slam per la seconda selezione argentina, che ha battuto nettamente il Cile nell'ultima giornata del torneo delle Americhe

item-thumbnail

La partita più importante nella storia del rugby olandese

Sabato si gioca la partita decisiva del Rugby Europe Trophy, seconda divisione dell'ovale europeo fuori dal Sei Nazioni