George Smith e Quade Cooper, due facce dell’Australia

Il primo nega di essere in contatto con l’ARU per tornare in nazionele. L’altro non viene chiamato

ph. Simon Baker/Action Images

“Queste voci per me non sono un problema: non ho avuto nessun contatto diretto o indiretto con la federazione”. George Smith, 110 caps con la maglia della nazionale australiana, è un giocatore dei nipponici Suntory Sungoliaths che però ha firmato un contratto di qualche mese con i Brumbies. I rumors che lo vorrebbero di ritorno anche con i wallabies almeno per il tour dei British & Irish Lions sono iniziati da quando ha rimesso i piedi in patria, complice anche l’infortunio che terrà tutta la stagione fermo David Pocock. Il suo contratto con i Brumbies termina a maggio ma vista la stagione della franchigia di Canberra e il più che probabile sbarco ai play-off il tecnico Jake White ha già annunciato che chiederà al club giapponese una estensione del contratto fino a luglio. Una estensione che va a coprire anche il tour dei Lions…

 

Un tour al quale non si avvicina sotto i migliori auspici il bizzoso Quade Cooper, autore finora di una buona prima parte di stagione con i Reds. L’apertura infatti sembra non verrà convocata per il primo training camp che la nazionale allenata da Robbie Deans terrà tra qualche giorno a Sydney. Una decisione che in Australia sta già facendo discutere, anche se non è ancora ufficiale e sulla quale però è lo stesso giocatore a non gettare benzina sul fuoco: “Con Deans non ci sono più problemi e la stagione è lunga”.
In pole position per la maglia numero 10, in caso di assenza di Cooper anche a giugno, è il rientrante James O’Connor, ma il ct può contare anche su Berrick Barnes mentre non sono pochi quelli che vrebbero vedere all’opera Christian Lealiifano dei Brumbies.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

In Nuova Zelanda temono di aver regalato all’Irlanda un altro potenziale titolare internazionale

James Lowe, Gibson-Park e Bundee Aki: ora c'è lo spettro di un nuovo errore

item-thumbnail

Test Match Summer Series 2024: due partite verranno dirette da arbitri italiani

Una partita a fine giugno e una a metà luglio. Ci sono anche designazioni da assistenti

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...