Sei Nazioni 2013, è boom-tifosi: già venduti 90.000 biglietti

Stanno andando benissimo le prevendite per le tre partite interne allo Stadio Olimpico di Roma in programma tra febbraio e marzo

ph. Sebastiano Pessina

Quest’anno a Roma per le tre gare interne del Sei Nazioni verranno Francia, Galles e Irlanda. Le prevendite dei biglietti e degli abbonamenti stanno andando a gonfie vele. Questo il comunicato stampa FIR:

 

Cinquanta giorni al calcio d’inizio di Italia v Francia, turno inaugurale dell’RBS 6 Nazioni che, dal 3 febbraio, sbarca per il secondo anno consecutivo allo Stadio Olimpico di Roma: gli Azzurri di Jacques Brunel saranno subito chiamati a contendere il Trofeo Garibaldi ai vice-campioni del mondo guidati da Philippe Saint’Andrè, reduci da un brillante novembre internazionale che li ha visti risalire sino al quarto posto del ranking IRB.

Successivamente, Parisse e compagni torneranno all’Olimpico il 23 febbraio per affrontare il Galles ed il 16 marzo, per la quinta ed ultima giornata, nella sfida conclusiva al XV irlandese sorteggiato ancora una volta con l’Italia – insieme alla Francia – nel girone della Rugby World Cup inglese del 2015.

Aperta in estate, la campagna abbonamenti per le gare interne della Nazionale nell’RBS 6 Nazioni 2013 ed abbinata alla possibilità di entrare a far parte della comunità “Azzurro XV” ha registrato un incremento significativo nelle adesioni rispetto all’edizione 2011 – giocata al Flaminio e culminata nella vittoria sulla Francia – con oltre 10.000 abbonamenti venduti nei vari settori dell’Olimpico ed una crescita percentuale di circa il 100% per i tre incontri casalinghi dell’Italia.

 

“Abbiamo puntato su una strategia di ticketing volta ad incentivare la partecipazione di giovani e famiglia e la risposta è estremamente positiva, il dato relativo alla crescita percentuale degli abbonamenti è particolarmente rilevante e non possiamo che essere soddisfatti dei risultati raggiunti quando mancano quasi due mesi alla prima partita del Torneo” ha dichiarato il responsabile organizzativo FIR, Pierluigi Bernabò.

“Gli eventi dello scorso 6 Nazioni e di novembre contro la Nuova Zelanda hanno avuto un impatto positivo sul pubblico e, in vista di queste tre partite che ci attendono, intendiamo migliorare ulteriormente gli standard organizzativi per regalare a tutti un’esperienza che sia entusiasmante sotto ogni punto di vista e che permetta loro di vivere appieno, dalla mattina alla sera, il clima di festa del Torneo e la straordinaria cornice del Parco del Foro Italico”.

La campagna abbonamenti per le gare interne dell’RBS 6 Nazioni 2013 proseguirà sino al 2 febbraio, mentre la promozione legata ad “Azzurro XV” si concluderà il 21 gennaio. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale della biglietteria FIR, ticket.federugby.it

PrezziBiglietti6N2013

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento