Ginocchio ko per Tommy Bowe: salta il Sei Nazioni?

L’ala verrà operata nei prossimi giorni, ma sembra che di mezzo ci siano i legamenti….

Un infortunio al ginocchio più grave di quanto non era sembrato nelle primissime ore e l’immediato ricorso al chirurgo. Il sabato sera dell’Ulster non è stato decisamente tra i più fortunati: primo ko stagionale in assoluto (per mano dei Saints) per gli irlandesi e infortunio a Tommy Bowe nei minuti finali della partita. L’ala verrà operata nei prossimi giorni ai legamenti e una misura di quanto sarà lungo il suo stop l’avremo solo dopo l’intervento ma sembra che prima di qualche mese il giocatore non potrà tornare in campo. A forte rischio quindi il Sei Nazioni, ennesima brutta notizia che arriva dall’infermeria per il ct Declan Kidney.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento