La nuova “maison de France” pronta in quattro anni: comprato il terreno

Acquistato il vecchio ippodromo di Evry per 13,5 milioni. Ora devo trovare un accordo con il consorzio che gestisce lo Stade de France

La federazione francese vuole che la struttura sia pronta per l’inaugurazione nel 2017. Tempi abbastanza stretti, quindi, anche perché stiamo parlando della nuova casa del rugby francese, quella che accoglierà le partite della nazionale e che sarà nella esclusiva disponibilità della FFR.
Il nuovo stadio avrà 85mila posti a sedere coperti e il primo passo ufficiale è stato compiuto nei giorni scorsi: il 15 ottobre è stato ufficialmente comprato il terreno per 13,5 milioni di euro. Si tratta del vecchio ippodromo di Evry, a sud di Parigi.
A mettere fretta alla federazione transalpina è però anche l’accordo per l’utilizzo dello Stade de France, in scadenza. Il contratto verrà probabilmente rinnovato sino al 2017 ma a condizioni finanziarie al ribasso, rendendo più probabile un aumento delle partite che i bleus giocheranno nei prossimi anni lontano dalla capitale.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Shaun Edwards fra Francia e Galles

Il guru della difesa sarebbe in trattativa anche con la federazione francese per far parte dello staff dei Bleus dopo la RWC

24 aprile 2019 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

Quattro stelle di Tolone per i Barbarians

Inizia a definirsi la squadra per la sfida all'Inghilterra XV del 2 giugno prossimo, in cui ci sarà anche l'esordio delle ragazze

item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento