James O’Connor non ce la fa, per lui niente test-match in Europa

Il trequarti australiano getta la spugna: dopo aver saltato test estivi e tutto il Rugby Championship non giocherà nemmeno a novembre

Niente terza sfida di Bledisloe Cup, e questo si sapeva, ma l’Australia dovrà fare a meno di James O’Connor anche per il tour di novembre. Anche i tifosi italiani che il 24 novembre andranno a Firenze per la sfida tra azzurri e wallabies non potranno ammirare uno dei talenti più puri del rugby mondiale.
La notizia arriva dall’Australia, dove si sperava che il lungodegente utility-back (è un eufemismo, questo sa fare tutto) dei Melbourne Rebels potesse tornare a disposizione del ct Robbie Deans dopo aver saltato per un grave infortunio muscolare tutti i test di giugno e tutto il Rugby Championship.
L’Australia il 10 novembre giocherà a Parigi contro la Francia, il 17 a Twickenham contro l’Inghilterra, il 24 a Firenze e il primo di dicembre a Cardiff contro il Galles.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Inghilterra: Eddie Jones ne chiama 36 per l’ultimo training camp in vista di novembre

Fuori Danny Cipriani, al centro delle polemiche nelle ultime settimane

20 settembre 2018 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match, calendario novembre 2018: date, orari e luoghi dell’autunno ovale internazionale

Tutti i dettagli da sapere sulla prossima finestra internazionale

item-thumbnail

La federazione inglese mette pressione ad Eddie Jones

Steve Brown, CEO di RFU, si aspetta che l'Inghilterra vinca tutti i test del prossimo autunno

item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori