Tornano gli Dei, quelli poco vestiti di Parigi

Il 4 ottobre sarà disponile il calendario 2013 inventato da Max Guazzini. Con tanti nomi famosi…

Max Guazzini non ha più nulla a che fare – o quasi – con lo Stade Francais, ma la sua creatura più celebre anche al di fuori del mondo rugbistico continua a vivere. D’altronde tutta quella pubblicità e quel ritorno economico non farebbe schifo a nessun club.
Stiamo parlando ovviamente di uno dei calendari più famosi del mondo, il “Dieux du Stade”, la cui edizione 2013 sarà disponibile dal prossimo 4 di ottobre. A scattare le 40 foto che lo comporranno (a colori e in bianco e nero) è stato François Rousseau.
Per questa edizione il fotografo ha potuto contare su rugbisti dello Stade Francais e di altre squadre del Top 14, atleti del Pro D2, giocatori di hockey, lottatori, boxeur e di due calciatori della nazionale francese: Gaël Clichy (che gioca nel Manchester City di Mancini)  e Rio Mavuba del Lille.
Questi i giocatori dello Stade che potrete ammirare come mamma li ha fatti, o quasi:  Scott Lavalla, Jérôme Fillol, Olivier Missoup, Jules Plisson, Djibril Camara, Lisandro Gomez Lopez, Alexandre Flanquart e Hugo Bonneval. Dal resto del Top 14 ci sono invece Maxime Mermoz, Alexis Palisson e Geoffroy Messina del Tolone; Morgan Parra, Julien Pierre e Wesley Fofana del Clermont e Yoann Huget (Tolosa).

Per chi fosse interessato il libro è disponibile alla Libreria dello Sport e trovate la scheda a questo link.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Slow Motion #15: la cavalcata di Jordan Williams

La meta della settimana è un pezzo di bravura dell'estremo dei Dragons, che ha mandato a gambe all'aria la difesa del Leinster

18 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #14: allo Stade Toulousain piacciono le bollicine

Il Tolosa di Huget, Ntamack e Ramos torna protagonista nella nostra rubrica, dopo la splendida meta contro La Rochelle

11 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Racconti di rugby: la disciplina ferrea di Mike Brewer a L’Aquila

Ovvero: giocare per 40 minuti effettivi senza far mai cadere la palla a terra. Per Mazzantini&co. non fu proprio semplice

11 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

La nuova scuola aperta dai Saracens a Londra

Accoglierà 156 studenti che inizieranno la loro secondary school. È il primo club di rugby ad impegnarsi in un'iniziativa del genere

7 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #13: E se fosse meglio la Premiership?

Il passaggio di Danny Cipriani a Charlie Sharples è impossibile da ignorare: ecco la meta della settimana

4 settembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Il coach quasi novantenne che continua a vincere

Dunstan Henry ha 88 anni e ha perso il conto dei campionati vinti. Un uomo al servizio del gioco da oltre sessant'anni

4 settembre 2018 Terzo tempo