Alvise De Vidi, il capitano ovale che corre come una freccia alle Paralimpiadi

Il wheelchair rugby è disciplina olimpica da un po’, ma l’Italia non c’è alle Paralimpiadi di Londra. Eppure…

Alvise De Vidi è il capitano della squadra azzurra di wheelchair rugby. Ma Alvise De Vidi è molto di più e lo ha dimostrato per l’ennesima volta alle Paralimpiadi in corso di svolgimento a Londra.
L’articolo è di Maria Claudia Cavaliere

E ora che abbiamo un capitano rugbista medaglia d’argento olimpica alle Paralimpiadi di Londra 2012? Non possiamo che pensare che, come ha detto nell’intervista Alvise a Rio ci sarà, e con lui la nazionale di weelchair rugby.
Per chi si fosse perso una serata di sport di altissimo livello dobbiamo dire che il Capitano Alvise De Vidi, nella gara dei 100 metri in carrozzina ci ha regalato una medaglia d’argento di un valore inestimabile, un argento che vale più dell’oro. Alvise De Vidi è Il Campione, non “un” campione.

Davvero anomalo per la squadra azzurra di weelchair rugby avere un Capitano sprinter. Per chi si fosse perso lo spettacolo consiglio di vedere la registrazione. Un Alvise De Vidi straordinario, strepitoso, impeccabile. Una lezione di sport indimenticabile. Centometrista perfetto… lui, che i 100 metri proprio non sono la sua gara. Pardon, non erano la sua gara. Non riesce proprio ad essere banale questo ragazzo, si perché anche se lui a questa olimpiade si è definito un “vecchio esordiente” ha la gioventù di un ragazzo e la forza di volontà di un saggio. Già, non riesce ad essere banale Alvise: se gli atleti fanno gli sprinter da giovani e allungano le distanze
con il passare degli anni lui ha fatto il contrario e ha pensato bene di sorprendere vincendo l’argento a Londra dopo aver vinto la maratona ad Atene nella sua precedente partecipazione olimpica.
Non ha sorpreso chi lo conosce Alvise dimostrando che è con il lavoro e non solo con il talento che si vince, dimostrando che i grandi uomini non hanno limite alcuno. E’ la sua quattordicesima medaglia paralimpica. In televisione si è parlato, grazie a lui, anche di
weelchair rugby e se dev’esserci un volto famoso a fare da testimonial non c’è davvero nessuno meglio di lui. Oltre ad avere tutte le doti del rugbista ora lo scopriamo anche velocista olimpico!
Lezione di intelligenza e qualità umane. Indiscutibile. Non si può essere un campione così grande senza essere un grande uomo, ma non sottovalutiamo il gesto atletico! E’ schizzato via come una freccia Alvise, sembrava non facesse neanche fatica nella sua impressionante corsa verso quella medaglia.
E ora che succederà quando gli avversari se lo troveranno sul campo da rugby? Già non era facile prima avere a che fare con lui, immaginiamoci adesso che ha al collo una
medaglia d’argento da centometrista.
Complimenti Capitano! E ora via verso Rio 2016!!!!!

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sergio Parisse: “Un’altra volta in azzurro? Ho fiducia che avvenga”

L'avanti azzurro si augura di poter vestire un'ultima volta la maglia dell'Italrugby

28 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Abraham Steyn: “Contro l’Irlanda errori carissimi. Ora pensiamo all’Inghilterra”

Il terza linea azzurro è fiducioso che il lavoro fatto a livello fisico permetterà agli azzurri di crescere, evitando situazioni come quelle di Dublin...

28 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il nuovo protocollo FIR per allenamenti ed attività agonistica

Tampone settimanale per il Top10, e nuove indicazioni per continuare a svolgere attività motoria individuale

27 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

World Rugby Ranking femminile: le azzurre scendono, la Scozia si avvicina alla Top10

Nuovo aggiornamento della classifica iridata anche sul fronte donne

27 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia, Marius Goosen: “Tante cose da migliorare. Non dobbiamo regalare punti e metterci sotto pressione da soli”

L'assistente allenatore di Franco Smith ha parlato in un incontro stampa virtuale

27 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale