Italiani all’estero cercasi: chi sarà pronto per il Sei Nazioni?

Infortuni e scelte tecniche tolgono frecce all’arco di Kieran Crowley

Champions Cup: Federico Mori pronto al debutto nella Coppa regina (Photo by Thibaud MORITZ / AFP)

Italiani all’estero: chi è pronto per il Sei Nazioni? – ph. Thibaud MORITZ / AFP

Kieran Crowley annuncerà i suoi convocati per il prossimo Sei Nazioni il 13 gennaio. La lista, inevitabilmente, sarà principalmente composta di giocatori militanti nello United Rugby Championship con le due franchigie italiane, il Benetton e le Zebre.

Il terzo serbatoio dal quale attingere, quello degli italiani impiegati all’estero, è al momento più scarico del previsto.

Gli Azzurri che giocano in Premiership e in Top 14 dovrebbero essere le frecce più pregiate nella faretra dello staff tecnico guidato dal neozelandese ex Benetton, ma infortuni e scelte tecniche hanno portato a una situazione non particolarmente rosea in vista di un Torneo che già si presenta assai complesso di per sé.

In Premiership 

Matteo Minozzi è da settimane nella lista degli indisponibili dei Wasps. L’estremo dovrebbe essere in procinto di risolvere i propri problemi fisici e dovrebbe essere di nuovo a disposizione di Lee Blackett già dal prossimo 15 gennaio, data in cui, teoricamente, si dovrebbe giocare la gara di Champions Cup contro il Tolosa.

Una stagione sfortunata per Minozzi, che fra un acciacco e un altro è riuscito a mettere insieme appena 3 presenze con il suo club, per un totale di 226 minuti giocati. Il suo destino è peraltro comune a quello del resto della squadra, che sta patendo fin da inizio anno per un’infermeria costantemente piena, con numeri che oscillano da mesi fra i 15 e i 20 giocatori fermi ai box.

Un altro giocatore comparso da settimane nella lista degli indisponibili del suo club è Tommy Allan. Il mediano di apertura degli Harlequins ha giocato un inizio di stagione molto convincente, ma fra ottobre e novembre è dovuto uscire prima della fine del primo tempo in tre occasioni consecutive.

Allan è comunque vicino al rientro ed ha ricominciato ad allenarsi con i compagni sul campo. La sua presenza al prossimo Sei Nazioni è comunque in forte dubbio, vista la rinuncia a partecipare già ai test di novembre. Il periodo in cui si gioca il Torneo, peraltro, sarà quello che lo vedrà prendere probabilmente le redini della squadra in assenza di Marcus Smith.

Con Marco Riccioni fermo ai box a lungo dopo l’operazione per la rottura del legamento crociato, Stephen Varney e Marco Fuser chiudono la lista degli italiani d’Inghilterra. I due sono accomunati dallo scarso minutaggio concesso loro a Gloucester e Newcastle.

Varney ha giocato poco più di 200 minuti in 7 presenze stagionali, di cui solo 2 dal primo minuto, in Challenge Cup e Premiership Cup. Relegato dai colleghi di reparto Ben Meehan e Charlie Chapman al ruolo di terza scelta del club, è riuscito ad ottenere una relativa continuità nel mese di dicembre, ma non è fra i 23 convocati per la gara del Gloucester contro i Saracens.

Fuser invece non gioca dal 10 dicembre, gara di Challenge Cup contro i Worcester Warriors. Dopo una buona prima parte di stagione con 4 presenze nelle prime 4 giornate di Premiership, il seconda linea non ha sostanzialmente più avuto occasioni di mettersi in mostra.

In Top 14

La doppietta di Federico Mori con l’UBB è la più lieta notizia riguardante gli italiani all’estero degli ultimi tempi. Entrato a partita in corso, l’Azzurro ha firmato due mete in 12 minuti, dimostrando anche una crescita di fiducia nei propri mezzi.

Sette presenze e 380 minuti giocati nel club capolista in Top 14, con una discreta concorrenza nel ruolo di ala, sono sicuramente un buon biglietto da visita per il classe 2000 che, nonostante a novembre abbia denunciato ancora qualche lacuna da colmare, può puntare a far parte del gruppo azzurro e a prendere parte al suo terzo Sei Nazioni.

Paolo Garbisi è stato certamente il più continuo da un punto di vista di qualità e quantità di gioco messo in campo da un Azzurro impiegato all’estero (715 minuti giocati, 10 presenze di cui 9 da titolare, 112 punti segnati).

Leggi anche: La visione di Philippe Saint-André su Paolo Garbisi

A forte rischio, però, la presenza di Montpellier a Tolosa per il big match della quindicesima giornata di Top 14: il club ha comunicato venerdì 7 gennaio di aver riportato un alto numero di contagi e di aver tempestivamente informato la LNR. Si attendono i risultati del prossimo round di test per sapere se la squadra ha il numero minimo di giocatori per affrontare la trasferta di domenica sera.

Sergio Parisse, che sembra debba rientrare nel gruppo degli Azzurri per almeno una delle partite che l’Italia giocherà nel prossimo Sei Nazioni, ha giocato per il momento solo 80 minuti dal suo ritorno dall’infortunio al polso, lo scorso 4 dicembre.

Pietro Ceccarelli, infine, fresco di rinnovo con Brive, sta vivendo una stagione comunque non facile nella squadra bianconera, dove oscilla fra l’essere la seconda e la terza scelta nel ruolo di pilone destro. Fino ad oggi per lui 5 presenze, di cui 1 da titolare, per un totale di 172 minuti giocati.

In ProD2

La seconda serie francese ospita 4 giocatori azzurrabili, anche se per la maggior parte di loro una chiamata in nazionale non sembra essere vicina.

Il più papabile sembra essere Ange Capuozzo, anche se non sarà questa probabilmente l’occasione per dare un cap al giocatore di Grenoble: il giocatore ha appena ricominciato a partecipare agli allenamenti collettivi della squadra dopo il rientro dall’operazione chirurgica ad un dito della mano che lo ha tenuto fuori dalle recenti disavventure dei rossoblu.

Edoardo Gori è il giocatore più costante del quartetto. Venerdì 7 giocherà la sua sedicesima gara della stagione contro Montauban. Sarà anche la sua nona presenza da titolare in un Colomiers che, dopo un avvio difficile, ha ripreso quota e ora è quinto in classifica.

Inferiore il minutaggio per il suo compagno di squadra Michele Campagnaro, che ha comunque messo insieme 400 minuti con le sue 9 presenze. L’ex centro della nazionale ha faticato però ad imporsi come prima scelta, partendo da titolare solo 4 volte.

Infine, Edoardo Iachizzi dovrà rimanere fuori circa 4 mesi. Il seconda/terza linea di Vannes ha riportato un brutto infortunio al bicipite, è stato recentemente operato e dovrà affrontare ora un lungo recupero che lo riporterà sui campi solo alla fine della stagione.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: Kieran Crowley dice la sua sul poco utilizzo degli azzurri in Inghilterra

Il commissario tecnico torna a parlare delle sue scelte verso il Sei Nazioni 2022 ormai sempre più vicino al suo inizio

17 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Toa Halafihi: “Sarebbe bello giocare con Parisse. In azzurro per andare oltre i limiti”

Il terza linea del Benetton è carico per guadagnarsi un posto nel prossimo Sei Nazioni, portando all'Italia tutta la sua fisicità

14 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Crowley: “Il minutaggio di Varney? Un Problema. Vogliamo fare un passo avanti”

L’head coach azzurro in conferenza stampa commenta le sue scelte verso il Sei Nazioni

14 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Eleggibili, Parisse e Zebre: Kieran Crowley racconta le sue scelte

L'head coach degli Azzurri motiva le esclusioni di Minozzi e Canna

13 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per il raduno in preparazione al Sei Nazioni 2022

Kieran Crowley ha selezionato 33 atleti per l'appuntamento di Verona

13 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La diretta Streaming dell’annuncio dei convocati dell’Italia per il Sei Nazioni 2022

A partire dalle ore 15 il ct Krowley renderà noti i nomi del gruppo azzurro per le prime due giornate del Six Nations

13 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale