Anche il rugby del Galles chiede aiuto al governo

Da Cardiff arrivano richieste di sostegno finanziario in maniera importante per sopravvivere al momento

La proprietà dei Cardiff Blues ha chiesto aiuti al governo per il rugby del Galles (ph. Luca Sighinolfi)

La proprietà dei Cardiff Blues ha chiesto aiuti al governo per il rugby del Galles (ph. Luca Sighinolfi)

In Gran Bretagna la notizia del giorno per quanto riguarda il rugby è senza dubbio l’erogazione di 20 milioni di sterline alla Scottish Rugby Union, e anche dal Galles provano a farsi sentire. La situazione è chiaramente complicata anche in quel paese, dove Nazionale e club hanno una grossa fetta di introiti provenienti dalla vendita dei biglietti ai tifosi che è stata azzerata dalla pandemia. Ne ha parlato l’amministratore delegato dei Cardiff Blues Richard Holland, che ha detto senza mezzi termini: “Lottiamo per sopravvivere, il nostro governo ci deve aiutare”.

Leggi anche: Il rugby scozzese riceve 20 milioni di sterline dal governo

Serve però fare ordine per capire bene lo stato delle cose. In Scozia, come detto, sono in arrivo 20 milioni di sterline alla federazione, così da aiutare i club e le strutture ai vari livelli. In Inghilterra l’entità dell’aiuto governativo è pari a 135 milioni di sterline, 59 destinate ai soli club di Premiership, mentre la Irish Rugby Union ha già ricevuto circa 16 milioni di sterline. Holland ha sottolineato: “Ogni club professionistico degli altri paesi britannici o dell’Irlanda avrà dunque a disposizione 4-5 milioni di pounds, a eccezione di quelli del Galles che ancora non hanno ricevuto nulla. È assolutamente essenziale che la situazioni cambi il prima possibile, perché senza questo supporto il futuro per il nostro sport è assolutamente in crisi”.

Leggi anche: Autumn Nations Cup, gli 8 giocatori migliori, uno per squadra

Sinora il governo gallese ha messo a disposizione (a fondo perduto) 14 milioni di sterline per tutto il suo movimento sportivo, ma le quattro franchigie locali (Blues, Ospreys, Scarlets e Dragons) hanno già in essere dei prestiti negoziati dalla Welsh Rugby Union per 20 milioni. Dallo stesso governo si dice: “Questo è stato un anno complicato per tutti, stiamo lavorando con i vari enti per valutare quale supporto aggiuntivo potrebbe essere necessario”. Tutto questo va inserito in un pacchetto di aiuti “per la sopravvivenza dello sport” che il governo centrale britannico ha stimato in 300 milioni di sterline, ma la cui entità varia da sport a sport, e da organizzazione a organizzazione.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia-Irlanda, la volta buona

Nel 2013 Parisse e compagni vennero a capo di un incontro ad un certo punto troppo simile a tante sconfitte.

27 Febbraio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Dove si vede l’Italia del rugby contro l’Irlanda – Sei Nazioni 2021

Gli azzurri affrontano la terza gara del torneo a Roma, contro i verdi, sabato 27 febbraio alle 15.15

27 Febbraio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’insegnamento di Chris Nikic: migliorarsi ogni giorno dell’1%.

L'impresa del ventunenne che è diventato il primo uomo con la sindrome di Down a diventare un Ironman

26 Febbraio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Munster sale sul podio. Balzo Northampton, caduta dello Stade Francais

Ulster e Harlequins in top ten, Benetton e Zebre perdono qualche posto

25 Febbraio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Italia-Irlanda: “Studio Ovale” di sabato con Simone Favaro e Lino Guanciale il “Commissario Ricciardi”

Il prepartita del match degli Azzurri sarà caratterizzato da due ospiti speciali

25 Febbraio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto del weekend dal 26 al 28 febbraio 2021

Il Sei Nazioni propone la terza giornata, proseguono Pro14 e Top10

25 Febbraio 2021 Terzo tempo