Galles, Sei Nazioni 2020: Ross Moriarty potrebbe non esserci a causa di un virus preso in Giappone

Il giocatore è alle prese con un problema fisico che lo sta debilitando notevolmente

Ph. REUTERS/Peter Cziborra

La sfortuna del Galles quanto a infortuni e indisponibilità sembra, purtroppo, non esaurirsi mai. Dopo la conclamata assenza di Jonathan Davies, ora il problema in “Casa Dragoni” si chiama Ross Moriarty. L’avanti infatti ha contratto un virus in Giappone, durante l’arco della Rugby World Cup, che al momento gli ha causato problemi fisici e una considerevole perdita di peso, tanto da non consentirgli di rientrare in campo con i suoi Dragons da quando è rientrato dall’avventura iridata nel Sol Levante.

Dopo un consulto coi medici, il club ha fatto sapere che il problema fisico risale addirittura alla settimana di avvicinamento alla finale 3°-4° posto che il Galles ha giocato contro gli All Blacks, in data 1 novembre, e che il giocatore viene al momento monitorato ma è impossibile stabilire con certezza quando potrà smaltire l’indisponibilità e rientrare sul terreno di gioco per iniziare quantomeno ad allenarsi.

Per Wayne Pivac c’è già un problema: il numero 8
Se l’assenza di Ross Moriarty dovesse prolungarsi anche durante il Sei Nazioni 2020, per il neoallenatore dei “rossi” lo slot da terza linea centro vedrebbe momentaneamente un solo giocatore realmente disponibile: Josh Navidi. Taulupe Faletau infatti  – altra possibile (eccezionale) alternativa in quel ruolo  – ha iniziato la sua riabilitazione dopo l’ultimo intervento chirurgico a cui è stato sottoposto, ma la garanzia di vederlo ai nastri di partenza del torneo più prestigioso e importante dell’Emisfero Nord è attualmente ridotta al minimo sindacale.
Tutte note da mettere sul taccuino di Wayne Pivac che dovrà dimostrarsi sia gestore sia abile alchimista di un gruppo d’interesse nazionale che andrà forzatamente rimodellato dopo il decennio Gatland, culminato nell’ultima World Cup.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Nominato il nuovo amministratore delegato del Sei Nazioni, succederà a Ben Morel da aprile

Si tratta di Tom Harrison, ex capo dell'England and Wales Cricket Board (ECB) ed ex dirigente di IMG Media e ESPN STAR Sports

27 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni chiude la porta al Sudafrica: “Nessuna espansione in questo momento”

Il CEO di Six Nations, Ben Morel, ha messo le cose in chiaro

25 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: Inghilterra, problemi di infortuni. Ben 4 cambi rispetto ai primi convocati

Il ct Steve Borthwick deve gestire un'infermeria già molto piena

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles: Gatland vuole riconsiderare la regola dei 60 cap

L'allenatore del Galles stringe i tempi per discutere la regola sul numero di presenze necessarie a un giocatore che milita all’estero per essere conv...

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

Il tecnico del Galles ha risposto alle nostre domande in conferenza stampa

23 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Inghilterra, torna d’attualità la staffetta Smith-Farrell

Steve Borthwick deve decidere se metterli in campo insieme o preferire uno all'altro, Kevin Sinfield dà un indizio

19 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni