Rovigo Rugby Festival: sport, fotografia e intrattenimento

Sabato 1 giugno appuntamento col torneo di rugby seven, due incontri dedicati alla fotografia sportiva, la mischia più grande del mondo e tanto altro

rovigo rugby festival 2019

Sabato 1 giugno allo stadio “Mario Battaglini” di Rovigo andrà in scena la seconda edizione del Rovigo Rugby Festival. Dopo il successo dello scorso anno la società rodigina rinnova il proprio impegno nell’organizzazione di una manifestazione che vuole essere simbolo sportivo e culturale della provincia di Rovigo in Italia e nel mondo.

Rovigo Rugby Festival 2019 avrà una triplice veste: sportiva, formativa e ludica.

Quella sportiva vedrà il ritorno del “Rovigo 7s”, torneo Internazionale di Rugby a 7 – sport olimpico da Rio 2016 – che coinvolgerà atleti da tutto il mondo grazie alla partecipazione, tra gli altri, di Italia, Germania, Svezia, Rugby Rovigo, Delta, 7 Sirs, Dogi.
La fase eliminatoria comincerà in tarda mattinata, con le finali previste in notturna dalle ore 20 sul campo centrale dello Stadio “Mario Battaglini”.

Protagonista in termini formativi sarà invece la fotografia sportiva con due appuntamenti. Alle ore 10 l’incontro “Fotogiornalismo e sport: la fotografia come mezzo per raccontare un evento sportivo”, valido come Formazione Professionale Continua dell’Ordine dei Giornalisti.
A Partire dalle ore 14 il workshop dal titolo “Raccontare lo sport”. Una giornata full immersion composta da una sessione teorica e da uno stage pratico che offrirà ai partecipanti la possibilità di scattare a bordo campo durante il torneo sotto la supervisione di professionisti dell’immagine, ma anche l’occasione unica di utilizzare le migliori attrezzature professionali messe a disposizione da Canon.
L’obbiettivo del corso è di fornire ai partecipanti gli strumenti per allargare il proprio sguardo sul mondo della fotografia sportiva. A questo link trovate tutti i dettagli.

Semper per ciò che riguarda l’aspetto formativo, contemporaneamente all’attività sportiva ufficiale, prenderà corpo un’altra grande giornata dedicata al rugby promosso sotto il profilo valoriale, etico-sociale e formativo grazie al protocollo di intesa tra FIR – POLFER – ANSF, che da anni si svolge nelle più importanti città italiane.

Nello specifico, la manifestazione del 1° giugno ospiterà circa 1200 ragazzi e ragazze della fascia 6-12 anni, accompagnati dalle rispettive famiglie e istruttori, provenienti da Veneto, Friuli, Lombardia. Emilia Romagna, Marche e Toscana. La giornata si struttura in una serie di momenti in cui si porteranno i giovani atleti a giocare a rugby ed a riflettere sull’importanza del rispetto degli altri, delle regole oltre che sensibilizzare ad una maggiore attenzione verso la salute negli ambienti di vita con particolare riferimento al sistema di trasporto su ferro e alla raccolta differenziata.

Parallelamente all’interno del Festival verranno proposti contenuti ludici e di intrattenimento, oltre al Village attivo dalla mattina alla mezzanotte due saranno i main event: a grande richiesta la “Mischia Più Grande del Mondo” che dopo i 1560, record europeo, del 2018 punta dritto ai 2500 partecipanti nel 2019, e la Grande Festa Finale del Festival organizzata direttamente dai giocatori della FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta.

Per maggiori informazioni sulle attività: Rovigo rugby Festival

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Fino in Russia con l’ovale: un giovane trentino con l’under 20 degli Orsi

Andrea della Sala, pilone 19enne del Rugby Trento, convocato dalla Russia under 20 grazie alla doppia cittadinanza

21 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster in testa, Tolosa perde il podio. Italiane stabili

Scivolano indietro invece i Cardiff Blues che perdono sei posizioni

20 Febbraio 2020 News
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dal 20 al 23 febbraio

Turno importante per Zebre e Treviso, impegnate contro Munster e Cardiff. Come seguirli e non perdersi nessuna sfida ovale

19 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inghilterra: Andy Hancock ha passato il pallone

Nel Cinque Nazioni 1965 segnò una delle più belle mete della storia del Torneo, salvando Twickenham dalla vittoria scozzese

19 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #64: Italia attenta, Stuart Hogg è pronto

Meta importante per sé stesso e per gli Exeter Chiefs del capitano della Scozia, in campo anche nel weekend di stop del Sei Nazioni

18 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L'ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell'ottenimento dell'ambito documento

13 Febbraio 2020 Terzo tempo