Slow Motion #09: sinfonia rossonera

La meta di Mitchell Drummond nella finale contro i Lions merita decisamente una seconda occchiata

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento. 

Impossibili da fermare. I Crusaders non sembrano avere difetti e, anche quando ne emerge qualcuno, lo camuffano talmente bene da renderlo poco esplorabile. I campioni del Super Rugby 2018 hanno giocato una finale impeccabile contro i Lions, in pieno stile rossonero.

Anzi, potremmo dire anche in pieno stile All Blacks (e infatti ben 10 di loro sono stati convocati da Steve Hansen per il Rugby Championship): difesa rocciosa ed efficace, possesso e territorio non necessariamente a proprio favore e cinismo micidiale in zona offensiva, dove la differenza rispetto a tutte le altre squadre sta soprattutto nel decision making e nella superba velocità di esecuzione di ogni fondamentale. Un piccolo esempio ci è stato offerto dalla meta finalizzata da Mitchell Drummond, che ha portato la contesa sul 30-13 spegnendo subito ogni pensiero di rimonta dei Lions, in meta poco prima con Brink.

L’azione è stata lunga 13 fasi, ma qui rivediamo solo le ultime due. I Crusaders sono sul piede avanzante, quasi dentro i 22 avversari, quando Mo’unga sembra decidere per una giocata al largo verso Scott Barrett o David Havili; le salite rapide di Vorster e Jantjies lo costringono a cambiare idea, ritrovandosi in 1 vs 1 con Kwagga Smith. Mo’unga non si esibisce in nessun sidestep particolarmente ubriacante, ma il flanker liscia a sorpresa il placcaggio e consente ai ‘Saders di rubare qualche altro metro alla difesa sull’accelerazione del numero 10.

Drummond smista per un asse davvero atipico: Alaalatoa, appena entrato, gira dietro per un George Bridge entrato nella zona centrale del campo dall’ala sinistra. Il trequarti si limita a lanciare nello spazio Matt Todd, che entra nell’intervallo tra Brink (posizionato male con il corpo) e Mostert alla massima velocità, indovinando un angolo difficile da placcare soprattutto per il flanker.

E’ il momento in cui cambia la musica, perché il timing del numero 7 in maglia rossa è perfetto. Il placcaggio in extremis di Mostert serve a poco: al fianco di Todd, infatti, si materializzano due dummy runner che avevano fintato la carica sul passaggio di Alaalatoa verso Bridge, ovvero Codie Taylor e Tim Perry. L’offload di Todd per il tallonatore è rapido e preciso: Taylor raddrizza la corsa quanto basta per fissare Cronje, a quel punto ultimo baluardo della difesa Lions, e scarica su Drummond, puntuale nel seguire tutta l’azione e nel rifinirla schiacciando in mezzo ai pali. Semplice, efficace e con un timing perfetto: i Crusaders.

Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

RWC Best XV: la miglior ala (n° 14) è John Kirwan

L'ala degli All Blacks ha battuto il suo connazionale Doug Howlett. Da giovedì i sondaggi per la maglia n°11

17 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Beach rugby a Lignano Sabbiadoro: Marsiglia e le “Ricce” Villorba si aggiudicano l’edizione 2019

I francesi bissano il successo dell scorso anno, Sara Barattin e compagne si prendo una bella rivincita

16 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il Giappone ha prodotto una moneta commemorativa

La zecca giapponese ha disegnato e fornito una serie limitata di pezzi da collezione dedicati alla rassegna ovale di scena a settembre

15 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

La rivoluzione francese, quella del 1979

Era il 14 luglio quella volta della prima vittoria dei Bleus contro gli All Blacks in terra neozelandese

14 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

RWC Best XV: Jason Robinson è il miglior estremo

L'inglese ha battuto per soli tre voti Percy Montgomery in finale. Da sabato i sondaggi per assegnare la maglia numero 14

12 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Beach Rugby Lignano 2019: è tutto pronto per la 26esima edizione

Il prossimo 13 e 14 luglio, sulle meravigliose spiagge friulane, si disputerà la quarta tappa dell' EBRA Series. Con diretta streaming della seconda g...

11 luglio 2019 Terzo tempo