Sei Nazioni under 20: per l’Italia la prova più dura

Gli Azzurrini a Gorizia affrontano la dura sfida contro i pari età inglesi, campioni in carica

ph. Sebastiano Pessina

Come vuole la tradizione il piatto forte è anticipato da un antipasto di valore. E’ quello che accade oggi con il calcio d’inizio del Sei Nazioni under 20, che anticipa di un giorno il torneo dei grandi.

La prima giornata viene inaugurata proprio dalla partita degli Azzurrini contro i pari età inglesi, una sfida complessa sotto tutti i punti di vista contro la squadra capace di vincere il torneo dello scorso anno ottenendo il Grande Slam.

Sono pochi i giocatori della nazionale inglese che sono rimasti nella rosa della nazionale giovanile quest’anno, ma particolare attenzione dovrà essere messa su Gabriel Ibitoye, ala proveniente dagli Harlequins che si è già messo in splendida mostra ai mondiali di categoria in Georgia la scorsa estate.

5 presenze per 282 minuti in Premiership per lui quest’anno, con una meta segnata ai danni del Bath. Occhi puntati anche su Ben White, il mediano di mischia che è diventato il più giovane giocatore di sempre ad esordire con la maglia dei Leicester Tigers a 17 anni e 151 giorni, e al talentuoso terza linea e capitano Ben Earl, dei Saracens.

Rispetto agli standard degli anni precedenti, quest’anno l’Italia per la prima volta si presenta con una squadra che non ricalca grosso modo quella della Accademia Nazionale che disputa il campionato di Serie A. La qualità della classe 1998 si è rispecchiata nelle scelte di molte squadre di Eccellenza, che hanno optato per arruolare tanti giovani, dando loro spazio nella stagione in corso.

Gli Azzurrini beneficeranno quindi di un livello di esperienza che, anche se probabilmente non paragonabile a quello degli avversari di stasera, non hanno mai avuto negli anni passati in dosi così massicce. La squadra si affiderà quindi alla brillantezza delle prestazioni di Antonio Rizzi (Petrarca Padova) in cabina di regia e di Jacopo Bianchi (Fiamme Oro) e Niccolò Cannone (Petrarca Padova) nel pacchetto di mischia.

Il calcio d’inizio allo stadio “Enzo Bearzot” di Gorizia è previsto per le ore 19, con diretta esclusiva tramite la pagina Facebook della Federazione Italiana Rugby.

Italia: 15 Michelangelo Biondelli, 14 Simone Cornelli, 13 Alessandro Forcucci, 12 Francesco Modena, 11 Albert Einstein Batista, 10 Antonio Rizzi, 9 Nicolò Casilio, 8 Lodovico Manni, 7 Jacopo Bianchi, 6 Michele Lamaro (C), 5 Matteo Canali, 4 Niccolò Cannone, 3 Michele Mancini Parri, 2 Matteo Luccardi, 1 Danilo Fischetti;
A disposizione: 16 Niccolò Taddia, 17 Leonardo Mariottini, 18 Guido Romano, 19 Edoardo Iachizzi, 20 Enrico Ghigo, 21 Leonardo Bacchi, 22 Filippo Di Marco, 23 Tommaso Coppo.

Inghilterra: 15 Tom Parton, 14 Gabriel Ibitoye,13 Fraser Dingwall, 12 Will Butler, 11 Ben Loader, 10 James Grayson, 9 Ben White, 8 Tom Willis, 7 Ben Earl (C), 6 Sam Moore, 5 James Scott, 4 Dino Lamb, 3 Marcus Street, 2 Henry Walker, 1 Toby Trinder;
A disposizione: 16 Gabriel Oghre, 17 Alex Seville ,18 Joe Morris,19 Sam Lewis, 20 Josh Basham, 21 Rory Brand, 22 Tom Hardwick, 23 Jordan Olowofela.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Francia: presentato lo staff di Fabien Galthié, c’è Shaun Edwards

Come vociferato da mesi il guru della difesa del Galles passerà ai transalpini, in uno staff che comprende anche Labit e Servat

13 Novembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: 100 giorni al via. Il calendario dell’edizione 2020

Il più antico e prestigioso torneo dell'Emisfero Nord inizia a scaldare i motori

24 Ottobre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa