Sei Nazioni: Galles pronto alla prima

Scelto il XV per la gara di apertura contro la Scozia. Tantissimi assenti per Gatland, fiducia ai giocatori Scarlets

galles sei nazioni 2017

ph. Sebastiano Pessina

E’ un Galles che cerca di fare affidamento sulle poche certezze che gli sono rimaste quello che Warren Gatland ha scelto di mettere in campo per il primo turno dell’imminente Sei Nazioni 2018, di scena il prossimo sabato al Millennium Stadium di Cardiff, dove i Dragoni affronteranno la Scozia in un match subito di importanza capitale per entrambe le formazioni.

L’intenzione dello staff tecnico gallese è chiara: riportare quanto di entusiasmante fatto negli ultimi 16 mesi dagli Scarlets sul palcoscenico internazionale. Sono infatti dieci su quindici i giocatori della franchigia di Llanelli selezionati da Gatland per la partita.

La novità principale è l’immediata selezione del debuttante Josh Adams, attualmente metaman della Premiership inglese con le sue nove mete in 13 apparizioni per i Worcester Warriors.

Adams farà parte di un triangolo arretrato completato da Steff Evans, ormai padrone della maglia numero 11, e dalla sicurezza di Leigh Halfpenny, mentre il problema agli addominali registrato da Liam Williams lo tiene fuori per questa prima uscita della sua nazionale.

Ai centri coppia fisica con Parkes e Scott Williams, che ben si intendono con la mediana tutta Scarlets formata da Gareth Davies e Rhys Patchell, chiamata al difficile compito di non far rimpiangere Webb e Biggar. Allo stesso modo, la prima linea composta da Rob Evans, Ken Owens e Samson Lee dovrebbe godere del beneficio della sintonia registrata in Pro14 con la maglia dei campioni in carica.

Il capitano Alun Wyn Jones sarà in seconda linea con Cory Hill, mentre in terza Gatland ha scelto la continuità dando spazio a Shingler e Navidi dopo l’ottimo novembre internazionale e scegliendo Ross Moriarty come rincalzo per Taulupe Faletau. Con Justin Tipuric in panchina, non c’è spazio per James Davies.

“Sappiamo che giocatore di qualità sia Ross (Moriarty, ndr), è fantastico riaverlo disponibile e ci aspettiamo di vedere tante esplosive cariche palla in mano sabato” ha detto Warren Gatland in sede di presentazione della formazione.

“La prima partita contro la Scozia questo fine settimana è davvero importante per noi ed è una grande opportunità per questo gruppo di giocatori per farci partire col piede giusto.”

 

Galles: 15 Leigh Halfpenny, 14 Josh Adams, 13 Scott Williams, 12 Hadleigh Parkes, 11 Steff Evans, 10 Rhys Patchell, 9 Gareth Davies, 8 Ross Moriarty, 7 Josh Navidi, 6 Aaron Shingler, 5 Alun Wyn Jones (c), 4 Cory Hill, 3 Samson Lee, 2 Ken Owens, 1 Rob Evans
A disposizione: 16 Elliot Dee, 17 Wyn Jones, 18 Tomas Francis, 19 Bradley Davies, 20 Justin Tipuric, 21 Aled Davies, 22 Gareth Anscombe, 23 Owen Watkin

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento