Vaccinazione (o guarigione) per accedere a palestre e spogliatoi anche per gli atleti professionisti

Dal 10 gennaio prossimo, anche per quanto concerne il rugby

Nuove restrizioni per i non vaccinati negli sport di squadra

Nuove restrizioni per i non vaccinati negli sport di squadra ph. Sebastiano Pessina

Mentre nelle scorse ore la FIR ha annunciato – in attesa di emanare nei prossimi giorni un nuovo protocollo – la sospensione dell’attività agonistica (ad eccezione del Top10) sino al 30 gennaio prossimo (compreso), a breve dovrebbero esserci cambiamenti di rilievo per quanto concerne l’accesso ad ambienti al chiuso (come palestre, spogliatoi ed ovviamente docce),.

Leggi anche: Rivincite, rimonte e riscatti: il 2021 è stato l’anno della fenice

A partire dal 10 gennaio 2022, infatti, in zona bianca, gialla e arancione, l’accesso a eventi e competizioni sportivi e l’accesso a servizi e attività di piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso, nonché agli spazi adibiti a spogliatoi e docce sarà consentito esclusivamente ai soggetti in possesso di Green Pass Rafforzato, nonché ovviamente alle persone di età inferiore ai dodici anni ed ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale.

Una situazione che, anche se indirettamente (visto che partite ed allenamenti – almeno in buona parte – si svolgono all’aperto), colpisce di riflesso anche il rugby, soprattutto quello dei pro perché stando a quanto presente nelle FAQ (risposte alle domande più frequenti) pubblicate in settimana dal Dipartimento dello Sport, infatti, non ci sarebbero deroghe di sorta nemmeno per gli atleti di interesse nazionale.

Cosa cambia?

Difficile pensare ad atleti (tra i non vaccinati che non sono già guariti) del Sei Nazioni (per citare un esempio) – professionisti che lavorano con il proprio corpo -, che non si cambino e vivano l’atmosfera dello spogliatoio (prima della gara) o che non utilizzino le docce (a margine dell’incontro). Insomma, un incentivo importante alla vaccinazione nell’ottica del contenimento dei contagi.

Va rimarcato, ad ogni modo, come le FAQ siano una linea guida, benché formale e governativa, mentre le regole definitive verranno stilate e comunicate solamente nei prossimi giorni.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027

item-thumbnail

Samoa pronta a schierare due ex All Blacks contro l’Italia

A novembre l'apertura Lima Sopoaga e il terza linea Steven Luatua potrebbero rafforzare la rosa che ha vinto la Pacific Nations Cup