Tutto pronto per l’inserimento della Georgia nel nuovo torneo autunnale

Il prossimo “8 Nazioni”, stando ai media inglesi, vedrà la partecipazione dei Lelos che giocheranno così contro rivali di alto livello

La Georgia nella partita contro l'Italia a Firenze (ph. Sebastiano Pessina)

La Georgia nella partita contro l’Italia a Firenze (ph. Sebastiano Pessina)

Sembra essere praticamente tutto fatto per l’ingresso della Georgia nel nuovo torneo autunnale tra novembre e dicembre. Il quotidiano inglese Telegraph ha svelato come entro le prossime due settimane verrà ufficializzato l’inserimento dei Lelos nel torneo al posto del Giappone, andando così a incastrare tutte le tabelle per il nuovo “8 Nazioni” (o come si chiamerà).

Leggi anche: Tolosa ha segnato la meta dell’anno in 13 contro 15

I caucasici non erano la prima scelta nelle idee originali, visto che dovevano essere Fiji e Giappone ad unirsi alle formazioni del 6 Nazioni, ma i nipponici si sono volutamente tirati indietro per via dei problemi legati ai viaggi e alle varie situazioni sanitarie in Europa. Ecco allora la Georgia, prontissima e ben contenta di prendere il loro posto, visto che avrà la possibilità di misurarsi con squadre di alto livello come chiesto da tempo.

L’inserimento dei georgiani al posto del Giappone vale loro un posto nel raggruppamento con Inghilterra, Galles e Irlanda, e ci sarà così la possibilità di giocare contro i “bianchi” per la prima volta al di fuori della Coppa del Mondo (secondo il Telegraph le due squadre si sfideranno il 14 novembre), oltre a due prestigiosi test contro le altre rivali. Nell’altra pool ci saranno Italia, Fiji, Scozia e Francia, e dopo tre partite per determinare la classifica dei gironi le squadre si sfideranno in base ai piazzamenti, con le due quarte che si scontreranno nel primo weekend di dicembre, poi le due terze e così via fino a determinare il vincitore del torneo.

Leggi anche: Il calendario possibile dell’autunno azzurro, tra 6 Nazioni e nuovo torneo

Esce dal piatto dunque la possibilità di vedere il Sudafrica Campione del Mondo in Europa nel prossimo autunno, con gli Springboks che stanno ancora considerando il loro futuro internazionale: la volontà di partecipare al Rugby Championship esiste ancora, bisognerà valutarne la fattibilità nelle prossime settimane.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Springboks senza Faf de Klerk e PSDT per il terzo test

Lood de Jager entra in formazione con Franco Mostert che si sposta in terza linea, Cobus Reinach numero 9

item-thumbnail

Lions, sei cambi nella formazione per vincere il test decisivo

Sinckler in panchina nonostante la possibile squalifica, Finn Russell ricompare con la maglia numero 22

item-thumbnail

Springboks: il comportamento di Erasmus al vaglio di una commissione disciplinare

Dopo i pesanti commessi sulla direzione di gara del primo test, il director of rugby della federazione sudafricana chiamato a udienza

item-thumbnail

Sudafrica-Lions, la serie dei morsi? Un britannico citato rischia un lungo stop

Non si fermano polemiche e situazioni al limite del regolamento nella durissima serie tra Campioni del Mondo e Leoni

item-thumbnail

Un Nineaber orgoglioso dei suoi ragazzi ha fatto capire come l’invettiva di Erasmus abbia aiutato gli Springboks

L'head coach del Sudafrica ha parlato a margine di gara 2, vinta dai suoi ragazzi sui Lions

item-thumbnail

Sudafrica: un grande ritorno, ed una possibile assenza pesante per gara3

Come si comporrà la terza linea nell'atto decisivo della serie?